Stufe a legna

Una stufa a legna fa risparmiare (o perdere) denaro?

I sistemi di riscaldamento a legna sono un ottimo modo per risparmiare sulla bolletta. Se in casa avete una stufa a legna vecchia e inefficiente, potrebbe essere arrivato il momento di aggiornarla. Ma il ritorno dell'investimento vale la pena? Questo articolo esplora questa domanda e fornisce alcune indicazioni su quale sia l'opzione migliore per voi!

L'altro giorno stavo navigando su Internet e ho visto un articolo in cui si diceva che le stufe a legna fanno male alla salute. Ho pensato: "Non mi sembra giusto". Così ho fatto qualche ricerca e ho scoperto che possono essere dannose se non le si usa correttamente. Ma come funzionano queste cose? Fanno risparmiare o costano? Vale la pena di acquistarne uno o è meglio optare per i sistemi di riscaldamento a gas?

Una stufa a legna è un ottimo modo per risparmiare, ma ci sono alcuni fattori da considerare prima di fare l'investimento.

Le persone sono sempre alla ricerca di modi per risparmiare. Non solo vogliono migliorare il proprio bilancio familiare, ma vogliono anche ottenere di più dalla vita. Trascorrere del tempo a casa è un ottimo modo per allontanarsi dallo stress del lavoro e recuperare del tempo di qualità in famiglia. A tutti piace potersi sedere davanti al camino ogni sera dopo aver trascorso ore e ore a lavorare o a praticare hobby all'aperto durante il giorno. Non c'è niente di meglio che entrare in casa in una fredda notte d'autunno o d'inverno, quando fuori fa tanto freddo, e sedersi accanto a un camino aperto per riscaldarsi di nuovo!

Il problema è che una stufa a legna potrebbe non farvi risparmiare. Infatti, se l'installazione non viene eseguita correttamente (e da qualcuno con esperienza), può finire per costarvi più in riparazioni nel tempo che nell'acquisto effettivo del nuovo pezzo per la vostra casa! Si può pensare che questo non accada molto spesso perché la maggior parte delle persone conosce a sufficienza i propri elettrodomestici e sistemi di riscaldamento, ma ci sono alcune cose da considerare prima di fare un investimento del genere. Detto questo, una stufa a legna aiuta a risparmiare? La risposta è sì… ma solo se viene installata correttamente o riparata quando necessario!

La stufa a legna fa risparmiare (o perdere) denaro?

Una stufa a legna è un ottimo modo per risparmiare denaro, ma ci sono alcuni fattori da considerare prima di fare l'investimento.

Le persone sono sempre alla ricerca di modi per risparmiare. Non solo vogliono migliorare il proprio bilancio familiare, ma vogliono anche ottenere di più dalla vita. Trascorrere del tempo a casa è un ottimo modo per allontanarsi dallo stress del lavoro e recuperare del tempo di qualità in famiglia. A tutti piace potersi sedere davanti al camino ogni sera dopo aver trascorso ore e ore a lavorare o a praticare hobby all'aperto durante il giorno. Non c'è niente di meglio che entrare in casa in una fredda notte d'autunno o d'inverno, quando fuori fa tanto freddo, e sedersi accanto a un camino aperto per riscaldarsi di nuovo!

Il problema è che una stufa a legna potrebbe non farvi risparmiare. Infatti, se l'installazione non viene eseguita correttamente (e da qualcuno con esperienza), può finire per costarvi più in riparazioni nel tempo che nell'acquisto effettivo del nuovo pezzo per la vostra casa! Si può pensare che questo non accada molto spesso perché la maggior parte delle persone conosce a sufficienza i propri elettrodomestici e sistemi di riscaldamento, ma ci sono alcune cose da considerare prima di fare un investimento del genere. Detto questo, una stufa a legna aiuta a risparmiare? La risposta è sì… ma solo se viene installata correttamente o riparata quando necessario!

Costo dell'elettricità per chilowattora

Il primo passo per determinare se una stufa a legna vi farà risparmiare è la ricerca del costo dell'elettricità per chilowattora. Se la vostra casa usa il propano o il gas naturale, cercate quanto costa riempire il serbatoio di combustibile e confrontate il prezzo con quello di una corda di legna da ardere nel vostro negozio di fiducia.

Per fare un esempio, supponiamo di avere due case diverse in due luoghi diversi: una in cui tutto il riscaldamento proviene da stufe elettriche e un'altra in cui ogni inverno si consuma un intero camion di legna da ardere. In entrambi i casi, la casa è stata riscaldata con combustibili fossili fin dalla costruzione, dieci anni fa, tranne che nei mesi estivi, quando si usa l'aria condizionata. La differenza di temperatura media tra l'interno e l'esterno è circa la stessa per entrambe le case.

A una casa di Chicago che si riscalda con l'elettricità attribuiamo un prezzo medio di 0,17 euro per chilowattora e a una di Flagstaff, AZ, dove il gas naturale fornisce il riscaldamento, un costo medio di 0,27 euro per gallone, equivalente a circa mezzo milione di BTU o 0,025 terms. 025 terms (100 piedi cubi), che si dà il caso sia anche quello che costa in questo particolare giorno nel mio negozio di alimentari vicino al centro di Phoenix, mentre scrivo questi esempi online dalla mia stufa a legna da tavolo qui, all'interno della nostra casa di 2000 piedi quadrati nel deserto centrale, riscaldata da otto diversi tipi di legna suddivisi in varie dimensioni.

Affinché una fonte di calore, come le stufe elettriche o i forni a propano, possa risparmiare rispetto alla legna, deve produrre più calore per ogni dollaro speso rispetto al costo di una corda di legna.

Per la maggior parte delle case che si riscaldano con elettricità, propano o gas naturale non contabilizzati al chilowattora, non si ha un'idea concreta di quanto costi il combustibile, per cui non è possibile stabilire se si risparmia, a meno che non si vogliano acquistare abbastanza apparecchi elettrici supplementari per un anno intero, in modo da far salire il consumo totale a un livello tale da sapere quanto costa effettivamente un'unità.

Tuttavia, quando si paga ogni gallone equivalente alla pompa ogni volta che si acquistano separatamente galloni di combustibili fossili liquidi come la benzina e il gasolio, oltre a non avere una chiara comprensione del loro effettivo contenuto energetico, bisogna sapere che ci sono circa 33 milioni di BTU per gallone e non i circa 120.000 BTU per term che ci aspettiamo di vedere.

Per coloro che si riscaldano con il propano o il gas naturale, per i quali si conosce il consumo totale in galloni equivalenti, non è necessario determinare se una stufa a legna farà risparmiare perché si dispone già di queste informazioni, ma si può usare la nostra formula qui sotto come approssimazione per risparmiare rispetto ad altre fonti di riscaldamento, proprio come coloro che vivono senza contatore dell'elettricità – che in realtà è la maggior parte delle case.

Per calcolare quanto si risparmia con una corda di legna da ardere rispetto a un'altra fonte di combustibile, è sufficiente dividere il costo della combustione di un camion pieno per 33 milioni di BTU/gallone o per 0,025 terms (100 piedi cubi). Prendiamo ad esempio 200 dollari di propano.

200 € / 33.000.000 BTU per gallone o 0 €. 0697 euro diviso per 100 piedi cubi, che equivale all'incirca a un centinaio di dollari di gas naturale presso il mio negozio locale per questo esempio, ma può variare da un luogo all'altro e anche cambiare nel tempo a seconda dei prezzi correnti, tra cui altre cose come la percentuale di umidità nel legno che si sta acquistando insieme a eventuali spese di consegna, se applicabili, rispetto a una corda di legna da ardere che viene venduta per circa il doppio del denaro e non ha alcun costo dopo aver effettivamente tagliato tutti quegli alberi – comunemente chiamato combustibile gratuito, altrimenti noto come energia rinnovabile perché viene direttamente dal nulla! Già solo per questo vale la pena di prendere in considerazione l'idea di bruciare la legna, soprattutto perché possiamo costruire i nostri forni solari e scaldabagni solari per compensare i costi di raccolta della legna, oltre a utilizzare alcuni tipi di combustibili a biomassa per cucinare se decidiamo di non andare completamente fuori rete.

Per coloro che pagano ogni unità incrementale di elettricità o di propano con una tariffa forfettaria, non importa quanto si spende per ogni gallone equivalente, perché la bolletta totale rimane fissa. In questi casi, tutto ciò che occorre sapere è il costo effettivo della fonte di combustibile rispetto alla legna, che può essere facilmente determinato dividendo il costo in 33 milioni di BTU (BTU/gallone) o circa 100 dollari (100 piedi cubi).

Per calcolare il tasso di rendimento dell'investimento per la costruzione di una stufa come la mia, è sufficiente dividere 33 milioni o 100 per il costo (corda) per ottenere circa il 333,333%, il che significa che se si pagano 100 euro per una corda di legna, almeno una dovrebbe ripagarsi in tre anni secondo questa formula, il che è positivo.

Programma Energy Star dell'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente

Il programma Energy Star dell'EPA è un ottimo strumento per i proprietari di case che stanno valutando l'acquisto di stufe a legna. La certificazione Energy Star indica che i prodotti hanno rispettato rigorose linee guida per quanto riguarda l'efficienza e la sicurezza, quindi non dovete preoccuparvi di bruciare la vostra casa quando acquistate una stufa efficiente!

È vero che una stufa a legna può farvi risparmiare?

La risposta breve è sia sì che no. Credo che dipenda dalla definizione di "risparmio", oltre che dal costo reale del riscaldamento con elettricità o propano (che a volte viene considerato nel calcolo del risparmio). Tuttavia, se consideriamo solo ciò che si spende per acquistare e mantenere un apparecchio a legna nel tempo, nella maggior parte dei casi direi che non si risparmia nemmeno lontanamente energia passando dal gas/elettricità al riscaldamento a legna per una persona che vive in una casa di medie dimensioni e non è motivata da preoccupazioni ambientali, semplicemente perché l'acquisto iniziale dell'apparecchio può essere molto costoso! Inoltre, a seconda della frequenza con cui si utilizza la stufa a legna durante l'inverno e di quanta parte della casa si riscalda durante il processo, è possibile che una buona stufa a legna costi di più del riscaldamento a gas o elettrico.

La risposta più lunga è questa: ci sono sempre dei compromessi; ogni soluzione ha i suoi lati positivi e negativi (che variano da persona a persona). Detto questo… se dovessi scegliere tra riscaldare la mia casa con elettricità/propano o con legna da ardere, allora sì, in molti casi direi che usare la legna fa risparmiare. Questo perché mentre alcune persone bruciano 50-100 euro di combustibile a settimana quando usano le loro stufe a tempo pieno, la mia famiglia ne consuma meno della metà in media solo per cucinare! Quindi risparmiamo alla grande!

Un altro modo per dirlo: Riscaldiamo circa 2.000 metri quadrati di spazio abitativo (compreso un seminterrato pieno e soffitti alti) con meno di 20 euro di legna da ardere a settimana. E questo anche se la stufa a legna rimane inattiva per settimane durante i mesi estivi! Se invece dovessimo prendere l'elettricità da Hydro Quebec, credo che finiremmo per spendere circa 30 volte di più (e non potremmo comunque permetterci finestre così grandi o pareti/pavimenti isolati, ecc).

Consigli di sicurezza per le stufe a legna

  • Tenere una finestra aperta nella stanza in cui si trova la stufa. Se dovesse prendere fuoco, questo aiuterà il passaggio dell'aria e impedirà al fumo di riempire la stanza.
  • Assicuratevi che tutti gli oggetti infiammabili siano tenuti lontani o ad almeno un metro di distanza dall'apparecchio a legna. Questo è particolarmente importante quando si accende un fuoco con ceppi nuovi, perché possono produrre scintille che possono incendiare gli oggetti combustibili vicini. Ricordate ai bambini: fate attenzione! Anche le braci residue devono essere smaltite con cura: ricordate che potrebbero innescare un'altra combustione se lasciate incustodite altrove.
  • Se avete un caminetto, assicuratevi che la serranda sia aperta prima di accendere la stufa a legna o il camino. In questo modo il fumo può fuoriuscire facilmente e si evita la fuoriuscita di gas nocivi nell'ambiente in cui si vive.

Domande frequenti

Chi può utilizzare una stufa a legna?

Chiunque voglia risparmiare sulla bolletta del riscaldamento o riscaldare la propria casa gratuitamente! Forse le avete viste in alcune zone rurali, ma sono sempre più diffuse in tutto il mondo come un modo economico per riscaldare la vostra casa e allo stesso tempo proteggere l'ambiente. Anche se vivete in città, probabilmente nelle vicinanze c'è qualcuno che ne ha uno e che sarebbe felice di farvi condividere il suo quando fuori fa freddo (naturalmente dietro pagamento di una piccola somma). Non solo queste stufe aiutano le persone a ridurre il consumo di energia utilizzando qualcosa che hanno già a disposizione, ma molti modelli offrono anche vantaggi come l'aggiunta di umidità nell'aria secca durante le stagioni invernali, che aiuta a mantenere tutti più sani.

Quanto si può risparmiare con una stufa a legna?

La risposta varia a seconda del tipo di stufa e delle dimensioni della casa, ma non è raro che l'utilizzo di una stufa a legna permetta di risparmiare fino al 30% o più! Inoltre, se avete accesso a legna da ardere gratuita, il risparmio potrebbe essere ancora maggiore. Per esempio: Se riscaldate una casa di 2.000 metri quadrati con una fornace a olio per 2.000 euro all'anno (costo medio nel New England) e installate invece una piccola stufa a pellet che riscalda circa 500 metri quadrati, il risparmio annuo possibile è di circa 1.000 euro, semplicemente cambiando la vostra fonte di riscaldamento!

Ho bisogno di una formazione o di un'attrezzatura speciale per utilizzare in sicurezza una stufa?

È possibile trovare qualcuno che la installi per voi se non vi sentite a vostro agio, ma la maggior parte delle persone senza esperienza sarà in grado di farlo in un'ora o due e avrà bisogno solo dell'aiuto di un'altra persona. La maggior parte delle stufe viene inoltre fornita con tutto il necessario, compresi i comandi di aspirazione dell'aria, le canne fumarie, ecc…

Avrò ancora calore quando non c'è il fuoco nella stufa?

Assolutamente sì! La maggior parte di questi apparecchi a legna è progettata per continuare a riscaldare la casa senza alcuna fiamma attiva, il che li rende ottimi 24 ore su 24, 365 giorni su 365, tranne durante le interruzioni di corrente (che, come sappiamo, si verificano molto più spesso di quanto dovrebbero). Questa capacità consente alle famiglie di continuare la propria vita senza doversi preoccupare di quando avverrà la prossima interruzione, perché è quasi garantito che arriverà.

Qual è il tipo di legno migliore?

La legna bruciata nella stufa deve essere il più asciutta possibile (senza essere pericolosa) e non deve mai contenere sostanze chimiche, vernici o altri materiali simili che possano rilasciare fumi nell'aria che si respira mentre si accende un fuoco al suo interno! Tecnicamente può funzionare qualsiasi materiale da combustione, ma la maggior parte delle stufe è ottimizzata per legni teneri come il pino e l'abete, perché producono una maggiore quantità di calore per unità rispetto alle specie di legno duro (che potrebbero richiedere più tempo/energia per essere tagliate).

Conclusione

Una stufa può far risparmiare denaro, ma solo se viene utilizzata. Non vi farà guadagnare da sola. Prima di tutto bisogna spendere dei soldi. Poi, si può essere in grado di risparmiare una parte di quel denaro nel corso dell'utilizzo della stufa.

Una stufa a legna è un bene di lusso, non necessario a tutti. Se siete alla ricerca di modi per risparmiare nella vostra vita, questo tipo di prodotto potrebbe non fare al caso vostro, a prescindere dal fatto che abbia o meno un impatto sulla quantità di calore necessaria alla vostra casa o che vi faccia risparmiare. Inoltre, richiederebbe un investimento iniziale che potrebbe avere un senso nel corso degli anni, a seconda dell'andamento dei prezzi dell'energia e dei tassi di inflazione, tra le altre cose.