Stufe a legna

Perché la stufa a legna scotta (e come raffreddarla)

Ci sono molti motivi per cui dovreste tenere calda la vostra stufa a legna. Innanzitutto, avere una casa calda e accogliente è sempre piacevole durante i mesi invernali. Inoltre, l'aria avrà un profumo molto più gradevole ed eliminerà la necessità di usare candele o qualsiasi altro tipo di illuminazione artificiale! Non solo, ma può anche farvi risparmiare sulla bolletta del gas.

Il motivo principale per cui si dovrebbe tenere la stufa accesa è che può mantenere calda l'aria in casa. In questo modo si evitano correnti d'aria fredda e altri problemi che potrebbero verificarsi durante i mesi invernali.

Inoltre, elimina molti di questi problemi, come la necessità di utilizzare candele o altri tipi di illuminazione! Questo non solo rende l'esperienza più piacevole, ma è anche più sicura, perché non ci sono fiamme libere.

Cos'è una stufa a legna e come funziona?

Una stufa a legna è una piccola stufa che brucia tronchi per riscaldare la casa. Le stufe a legna sfruttano la naturale tendenza dell'aria calda e del fumo a salire e a diffondersi in tutti gli angoli di una stanza, rendendole più efficienti rispetto ad altri tipi di riscaldamento, come le stufe per ambienti o i forni a olio. Una stufa a legna sfrutta la combustione – in cui il combustibile (i ceppi) reagisce con l'ossigeno – per rilasciare energia sotto forma di fuoco e calore.

Questo processo rilascia gas infiammabili, come il monossido di carbonio, che possono essere nocivi se rilasciati senza un'adeguata ventilazione; tuttavia, la maggior parte dei modelli più recenti è dotata di sistemi automatici che regolano il flusso d'aria in base alla quantità di calore che si sta riscaldando in quel momento.

Una stufa a legna è una piccola stufa che brucia tronchi per riscaldare la casa. Le stufe a legna sfruttano la tendenza naturale dell'aria calda e del fumo a salire e a diffondersi in tutti gli angoli di una stanza, rendendole più efficienti rispetto ad altri tipi di riscaldamento, come le stufe per ambienti o i forni a olio. Una stufa a legna sfrutta la combustione – in cui il combustibile (i ceppi) reagisce con l'ossigeno – per rilasciare energia sotto forma di fuoco e calore.

Questo processo rilascia gas infiammabili, come il monossido di carbonio, che possono essere nocivi se rilasciati senza un'adeguata ventilazione; tuttavia, la maggior parte dei modelli più recenti è dotata di sistemi automatici che regolano il flusso d'aria in base alla quantità di calore che si sta riscaldando in quel momento.

Perché la mia stufa a legna scotta

Ci sono diversi motivi per cui la stufa a legna potrebbe bruciare più del normale. Il primo motivo è che i comandi dell'aria non sono regolati correttamente, il che significa che non entra abbastanza aria fresca e che è necessario sistemarli.

Un'altra causa potrebbe essere la scarsa presenza di legna da ardere al suo interno, che fa sì che si accumuli più calore e che alla fine si trasformi in fiamme invece che in semplice fumo.

Inoltre, controllate che non ci siano crepe o buchi nel tubo del camino da cui può fuoriuscire il CO (monossido di carbonio); se ci sono, provate a usare un ventilatore da interno dopo aver acceso l'apparecchio, in modo che tutto il fumo esca dal camino prima di rientrare in casa.

Perché devo regolare la serranda della mia stufa a legna?

La serranda della stufa a legna consente di controllare la quantità di aria che entra nel focolare. Se è troppo aperta, l'ossigeno che entra nel focolare non è sufficiente e la casa diventa fumosa. Se è troppo chiuso, la combustione è inefficiente e potrebbe danneggiare alcune parti della stufa.

È possibile regolare questo aspetto in quasi tutti i moderni apparecchi a legna aprendo/chiudendo o regolando le due leve o le manopole gemelle l'una verso l'altra (più chiusa) o distanti l'una dall'altra (meno chiusa).

Le bocchette dell'aria sono troppo aperte

Il fuoco è migliore quando le prese d'aria sono aperte quanto basta. Ciò consente una combustione lenta, a circa 400 gradi. Più caldo diventa in casa, più velocemente brucia tutto e si perde più energia termica per eliminare tutto quel fumo in più! Tenete le bocchette chiuse di circa un centimetro, se possibile, o il 30% in meno di quanto erano impostate prima dell'inizio dell'inverno.

Se avete uno sportello di vetro sulla vostra stufa, cercate di mantenere la temperatura intorno ai 400 gradi. Se si surriscalda ulteriormente, chiudere alcune delle bocchette dell'aria e aprire il cassetto della cenere per circa 30 secondi, quindi chiudere anche quello.

Un fuoco alimentato costantemente con legna ha una maggiore possibilità di formare creosoto nel sistema del camino. Questo problema può essere minimizzato bruciando correttamente la legna a una temperatura più bassa, come discusso sopra! Se possibile, utilizzare un termometro all'interno della casa per monitorare il livello di calore.

Si inizierà a vedere più fumo dalla ciminiera invece di energia termica blu chiaro che va verso il cielo! Ciò significa che dovete interrompere immediatamente l'alimentazione o rischiate di causare danni a voi stessi o alla casa a causa dell'avvelenamento da monossido di carbonio o di un incendio del camino dovuto al troppo calore!

Non dimenticate di tenere le finestre aperte nei giorni più freddi: vi farà risparmiare un po' di soldi e il vostro forno non dovrà lavorare tanto per eliminare tutta l'aria calda. Se possibile, cercate di avere almeno una finestra sempre aperta in ogni stanza per favorire la circolazione. So che può essere difficile con i bambini in giro, ma a volte dobbiamo fare dei sacrifici per la sicurezza dei nostri cari…

C'è troppa legna sul fuoco

Se vi ritrovate a mettere sul fuoco più legna del necessario, per farlo bruciare più caldo, probabilmente la vostra stufa è troppo grande. Le dimensioni corrette di una stufa a legna dipendono dallo spazio disponibile nella casa o nella baita e dal tipo di apparecchi di riscaldamento già installati.

Se avete un inserto per camino in ghisa vecchio stile che occupa tutto lo spazio disponibile, è molto probabile che vogliate qualcosa di più piccolo, come una piccola caldaia a pellet che, al massimo, fornirebbe calore supplementare per una sola stanza. D'altra parte, se vivete in campagna con un'ampia superficie intorno alla vostra casa, in modo da non sentirvi affollati dagli alberi o dalle linee di proprietà dei vicini, ma non volete rinunciare ad avere un caminetto in stile focolare aperto, allora potreste scegliere una stufa più piccola, come una stufa a legna certificata EPA, che vi fornirebbe più calore di una caldaia a pellet.

Ma se non avete altri apparecchi di riscaldamento in casa o nella baita, probabilmente quello che state cercando sarà qualcosa di più grande e più alto di quello che la maggior parte delle persone considera di acquistare. Un riscaldatore in muratura con un'altezza massima di circa 42 pollici può funzionare benissimo da solo, ma potrebbe anche significare mettere un po' di spazio tra voi e il riscaldatore mentre siete seduti sul divano a guardare la TV. Questa distanza può cambiare a seconda di quanto isolamento c'è all'interno della vostra casa, oltre a dove tutte le vostre finestre si trovano, quindi non pensate che solo perché qualcun altro ha avuto successo utilizzando il loro inserto per caminetto in ghisa, lo avrete anche voi.

La maggior parte delle stufe a legna presenti oggi sul mercato ha un'altezza compresa tra i 17 e i 30 pollici, con alcune di esse che raggiungono i 37 o 38 pollici. Le dimensioni medie per una casa familiare sono più o meno tra i 24 e i 28 pollici di altezza, mentre le baite e i cottage possono aggirarsi intorno ai 18-20″.

Ricordate: se la vostra stufa a legna brucia molto, probabilmente è perché c'è troppa legna sul fuoco!

La stufa è sovradimensionata

Se la vostra stufa è sovradimensionata rispetto allo spazio che occupa, non state sfruttando tutte le sue potenzialità curative. Le stufe sovradimensionate hanno spesso una bassa efficienza perché non permettono alla legna di bruciare completamente o correttamente, causando una combustione incompleta e lasciando dietro di sé particelle di fumo che nel tempo causeranno problemi.

  • La stufa ha un tiraggio insufficiente e non brucia abbastanza.

La stufa a legna non dovrebbe mai essere fumante, ma non dovrebbe nemmeno bruciare così tanto da non riuscire ad aprire la porta o ad accendere il fuoco. Dovreste sempre essere in grado di aprire le prese d'aria per una migliore ventilazione quando necessario e di aggiungere altri ceppi senza temere di surriscaldare la vostra casa.

Se questo non accade nella vostra configurazione attuale, potrebbe esserci qualcosa che non va nella progettazione della canna fumaria o nella sua capacità di attingere in modo efficiente dall'aria esterna (comunemente nota come "tiraggio"). Una canna fumaria progettata correttamente, una volta avviata, espellerà il fumo dall'abitazione molto rapidamente, utilizzando l'aria calda che sale all'interno della struttura stessa.

  • La canna fumaria è troppo piccola.

Se il tubo della stufa o il camino non lasciano spazio sufficiente al fumo, questo si accumulerà all'interno e causerà nel tempo problemi di ogni genere. Una buona regola per dimensionare una canna fumaria è un pollice di diametro per ogni metro di lunghezza fino a raggiungere fonti d'aria esterna alla sua estremità (una finestra aperta o uno sfiato esterno). La stufa a legna dovrebbe anche essere dotata di una ventola alimentata dal calore che spinga rapidamente i gas caldi attraverso il sistema, aggiungendo ulteriore potenza una volta raggiunta la velocità.

La porta della stufa non è chiusa correttamente

La prima cosa che molti fanno se la stufa non brucia è aprire lo sportello per vedere cosa sta succedendo. Tuttavia, prima di aprire la stufa a legna, assicuratevi che la porta sia stata chiusa correttamente, perché ci sono anche altri fattori che potrebbero causare una combustione troppo fredda.

Un errore comune che molti proprietari di casa hanno commesso quando hanno utilizzato un apparecchio a legna per anni o decenni senza mai avere problemi di cattivo funzionamento è quello di presumere di sapere come funziona tutto al suo interno. Ci sono tre modi in cui questo può portare qualcuno a intraprendere una strada sbagliata verso la riparazione di qualcosa che non va nel proprio apparecchio:

  • In primo luogo, alcuni proprietari possono ritenere che la sostituzione dei componenti utilizzati per risolvere un problema debba funzionare anche per un altro problema.
  • In secondo luogo, possono pensare che il problema dipenda dalla quantità di legna contenuta. Ad esempio, se la stufa brucia troppo fredda quando non c'è abbastanza combustibile, è ovvio che più legna dovrebbe risolvere il problema. Lo stesso vale per altri problemi, come la fuoriuscita di fumo invece di produrre calore dal fuoco.
  • In terzo luogo, alcune persone agiscono in base a ciò che ha funzionato per risolvere un precedente problema simile con un altro apparecchio o con un'unità diversa, senza pensare se questa soluzione funzionerebbe davvero qui e ora, o perché non ne sanno di più o semplicemente perché non hanno riflettuto a fondo prima di agire in modo rapido e deciso.

Se fino a poco tempo fa usavate regolarmente la vostra stufa ma non vi sentite più a vostro agio, è probabile che i motivi siano diversi. Può darsi che non siate ancora abituati alla nuova stufa, che il combustibile sia diverso o che sia cambiato qualcos'altro che ha causato un problema di funzionamento, apparso all'improvviso.

La causa più comune di stufe che bruciano troppo fredde ha però più che altro a che fare con ciò che le persone hanno fatto per risolvere altri problemi. Per esempio, se qualcuno aveva del fumo che usciva dalla canna fumaria invece di produrre calore dal fuoco stesso, probabilmente ha pulito tutto il creosoto sia all'interno che all'esterno, ponendo fine al problema almeno temporaneamente, ma quando si usa un altro apparecchio, come un inserto per caminetto, tutto torna di nuovo alla normalità, perché questi apparecchi usano molta meno legna di una stufa a legna di dimensioni normali.

Nella maggior parte dei casi, se l'unità non è calda, la prima cosa da fare è controllare lo sportello e assicurarsi che sia stato chiuso correttamente, perché questo problema può essere causato anche da altri fattori, come l'accumulo di creosoto all'interno del focolare o il fatto di non avere abbastanza combustibile per produrre una quantità di calore sufficiente per la velocità desiderata senza monitorare costantemente le cose dall'inizio alla fine.

In seguito, si dovrà valutare se ci sono segni che indicano problemi relativi alla quantità di legna presente nel focolare rispetto a quella necessaria in precedenza, quando tutto funzionava bene, prima di concludere che forse è cambiato qualcos'altro che ha portato a produrre meno calore, indipendentemente dal numero di ceppi presenti nella stufa.

Se ci sono altri problemi, come il fumo che esce invece di produrre calore, è ancora più probabile che questo sia legato all'accumulo di creosoto nella canna fumaria o nel camino, quindi è importante occuparsi prima di tutto di questo aspetto prima di passare ad altri che possono causare un problema come questo.

Superando tutti questi dettagli e concentrandosi interamente sul funzionamento complessivo dell'unità all'avvio, se una volta raggiunto il picco di temperatura tutto sembra a posto, ma semplicemente non brucia a sufficienza, allora la maggior parte dei proprietari di casa dovrà prendere in considerazione la possibilità di cambiare la fonte di combustibile, perché i diversi tipi di combustibile bruciano a temperature diverse per farli funzionare tutti insieme in modo corretto senza che si verifichino mai più problemi.

Come si può notare, ci sono diversi motivi per cui la stufa a legna potrebbe non bruciare più. Tuttavia, il più comune non è necessariamente quello che le persone si aspettano di trovare, anche se ha senso se si pensa più da vicino a tutto questo.

Ciò significa che se il vostro apparecchio funziona bene una volta che tutto si è sistemato, ma semplicemente non brucia più come prima, è molto probabile che qualcosa sia andato storto da qualche altra parte e che ora stia causando dei problemi, per cui è necessario occuparsi innanzitutto di questi ultimi, indipendentemente da quanto possano sembrare difficili o dal fatto che costino o meno, per poterli riparare comodamente senza sottrarre troppo tempo ad altri aspetti della nostra lista di priorità.

La bozza è troppo forte

Se la stufa a legna di casa vostra non brucia, probabilmente significa che c'è un problema di tiraggio. La cosa principale da fare quando la corrente d'aria è troppo forte e crea problemi a tutti gli abitanti della casa (e a voi stessi) è assicurarsi che tutte le finestre siano ben chiuse durante questo periodo.

Un buon modo per vedere se sono aperte o meno è quello di usare un bastoncino d'incenso; basta accenderne uno e posizionarlo vicino al vetro di ogni finestra tenendolo stretto in modo che non cada. Se le finestre non sono completamente chiuse, utilizzate dei pezzetti di carta assorbente e fissateli con del nastro adesivo o dello scotch su queste aree fino a sigillare tutto correttamente.

Come raffreddare rapidamente una stufa a legna troppo calda

Per abbassare la temperatura di una stufa a legna troppo calda, è necessario rimuovere alcuni ceppi dalla stufa. In questo modo il fuoco avrà meno combustibile e quindi brucerà a un ritmo più ragionevole. In effetti, se questo non funziona, potrebbe essere necessario chiudere tutti i fori del cassetto della cenere (o dello sportello inferiore), tranne uno, in modo da lasciare spazio all'aria che attraversa le braci e impedisce loro di bruciare ulteriormente.

In una stufa a legna che funziona correttamente, un po' di fumo dovrebbe uscire anche dalla serranda aperta, il che va da sé!

Perché la mia stufa a legna brucia così tanto?

Se avete appena acquistato una nuova stufa a legna e avete notato che brucia molto, la vostra prima domanda potrebbe essere: "Perché la mia stufa a legna brucia così tanto?". Anche se questo può significare una delle due cose, ci sono modi per ridurre la temperatura.

  • La stufa a legna sta bruciando troppo, il che significa che non permette al fumo di uscire o che si stanno inserendo grossi pezzi di legna secca. L'inserimento di legna bagnata riduce la temperatura complessiva e va evitato perché può danneggiare l'apparecchio nel tempo.
  • Se si utilizzano pezzi di legno secco di grandi dimensioni, prima di aggiungerli è bene spezzarli in pezzi più piccoli per favorire il flusso d'aria.
  • La canna fumaria non è abbastanza aperta: se la canna fumaria non consente un flusso d'aria adeguato all'esterno, può causare temperature elevate anche all'interno. Anche se può sembrare che non ci sia molta differenza tra aprire o chiudere una finestra di un centimetro per parte, farlo in alto sulla parete da cui esce il calore fa tutta la differenza del mondo.
  • La stufa a legna brucia troppo, il che significa che non si utilizza abbastanza aria per farla funzionare. Se la canna fumaria presenta delle torsioni e dei giri, è probabile che sia sovraccarica di creosoto accumulato da incendi precedenti o che semplicemente non abbia un flusso d'aria adeguato. Nella maggior parte dei negozi di articoli per la casa è possibile acquistare un palloncino per camino che aiuta l'apparecchio a bruciare in modo più efficiente consentendo un migliore flusso d'aria attraverso il camino all'esterno della casa.

Non dimenticate di fare questa domanda se non l'avete ancora acquistato! In questo modo si eviteranno eventuali incidenti e ci si assicurerà che tutti gli incendi futuri siano sicuri!