Stufe a legna

Perché la stufa a legna continua a spegnersi?

Le stufe a legna non devono essere complicate. Sono facili da usare e possono fornire molto calore alla vostra casa. Tuttavia, c'è un grosso problema in cui molte persone si imbattono quando iniziano a usare la loro stufa: si spegne continuamente! Questo post del blog vi darà alcuni consigli utili su come mantenere attiva la vostra stufa a legna, in modo da poter godere del calore della vostra casa per tutto l'inverno.

Le stufe a legna sono un modo efficiente per riscaldare la casa durante i mesi invernali, ma presentano una serie di problemi. Una di queste è che dopo averla accesa e messa in funzione, a volte la stufa si spegne senza un motivo apparente. Capire perché questo accade può essere difficile, perché le cause possono essere molteplici.

Questo post del blog illustra alcuni motivi comuni per cui una stufa a legna può smettere di funzionare correttamente e cosa si può fare per far sì che la stufa riparta in modo più affidabile.

Perché la stufa a legna continua a spegnersi?

I motivi per cui la stufa a legna continua a spegnersi sono molteplici. Nella maggior parte dei casi, si tratta di una soluzione semplice che vi permetterà di tornare a godervi il vostro caminetto in pochissimo tempo. Può essere facile come riposizionare il posacenere per evitare l'accumulo o aggiungere più legna e liquido d'avviamento se il calore prodotto dall'unità non è sufficiente.

Tuttavia, altre volte questo problema potrebbe indicare un problema molto più grave dell'intero sistema, che richiede un'ulteriore ispezione da parte di un tecnico professionista prima di continuare a utilizzarlo, pena il rischio di gravi danni a voi stessi e alla vostra casa.

Aggiungere troppa legna alla stufa può far sì che il fuoco si spenga rapidamente. Seguite le indicazioni del produttore sulla quantità di legna consigliata per ogni carico di combustione. La quantità di legna da aggiungere dovrebbe essere tale da garantire una buona quantità di braci, ma non più di cinque centimetri in ogni momento.

Se è necessario aggiungerne altri, aspettate che si raffreddino prima di aggiungere un altro ceppo. Qualsiasi cosa più piccola non brucerà correttamente e potrebbe intasare la canna fumaria se posizionata in modo improprio o bloccare il flusso d'aria con tronchi di grandi dimensioni gettati al suo interno senza farli prima prendere fuoco. -Non aggiungere troppa legna alla volta.

Impostazione errata del fuoco

Se non lo fate, iniziate! Utilizzate carta di giornale per accendere il fuoco. Non usate carta accartocciata o altri oggetti infiammabili come la lanugine dell'asciugatrice; se la stufa a legna prende fuoco, può essere una brutta notizia sia per la casa che per voi stessi.

È necessario un piccolo mucchio di legna da ardere per assicurarsi che la fiamma si riscaldi a sufficienza (circa 300 gradi) prima di aggiungere altri ceppi, altrimenti si rischia di avere fumo che fuoriesce dal camino senza che le fiamme producano effettivamente calore.

Aggiungere troppo poca legna

Se si aggiunge troppa poca legna al fuoco, il fuoco può spegnersi. Come si fa a sapere se non c'è abbastanza legna sulla stufa? Noterete che la fiamma è molto piccola o inesistente. Il vetro potrebbe essere freddo e potrebbe anche accumularsi della cenere.

Ciò significa che il combustibile non è sufficiente per una buona combustione, quindi quando brucia completamente, si intasa a causa della mancanza di ossigeno che entra in contatto con il materiale all'interno del sistema di canne fumarie, poi si spegne perché non passa più aria fino a quando tutti i detriti non sono bruciati. Assicuratevi di aggiungere sempre molti ceppi freschi ogni mattina, prima di iniziare qualsiasi altro lavoro in casa, perché questo garantirà un fuoco bello e tostato per il resto della giornata.

Se ci pensate, questo ha senso: se non c'è abbastanza legna o altro combustibile per ottenere il calore e la combustione, la stufa non sarà in grado di produrre alcun calore finché non verrà aggiunto altro materiale. Se la canna fumaria si riempie di detriti a causa della mancanza di flusso d'aria dovuta a un'alimentazione di tronchi meno che sufficiente che entra in contatto con le fiamme all'interno della camera di vetro dell'unità, possono accumularsi gas nocivi e monossido di carbonio che potrebbero portare a problemi lungo la linea, come l'avvelenamento durante il sonno perché l'apporto di ossigeno è stato gravemente compromesso da pratiche di manutenzione del caminetto scadenti in generale.

Aggiunta di troppo legno

Se si aggiunge troppa legna alla stufa, il fuoco può spegnersi rapidamente. Seguite le indicazioni del produttore sulla quantità di legna consigliata per ogni carico di combustione. La quantità di legna da aggiungere dovrebbe essere tale da garantire una buona quantità di braci, ma non più di cinque centimetri in ogni momento.

Se è necessario aggiungerne altri, aspettate che si raffreddino prima di aggiungere un altro ceppo. Qualsiasi cosa più piccola non brucerà correttamente e potrebbe intasare la canna fumaria se posizionata in modo improprio o bloccare il flusso d'aria con tronchi di grandi dimensioni gettati al suo interno senza farli prima prendere fuoco.

  • Non aggiungere troppa legna alla volta.
  • Aggiungete una quantità sufficiente di braci, ma non più di cinque centimetri in totale nella stufa.
  • Aspettate che il fuoco si raffreddi prima di aggiungere un altro ceppo. Qualsiasi cosa più piccola non brucerà e potrebbe intasare la canna fumaria se posizionata in modo improprio o bloccare il flusso d'aria se vi si gettano grossi ceppi senza farli prima prendere fuoco.

Utilizzo di legna bagnata

Il modo migliore per mantenere la stufa a legna è utilizzare legna secca e stagionata. La legna stagionata brucia più a lungo e più calda dei ceppi umidi o verdi, quindi è la fonte di combustibile più efficiente per il vostro apparecchio di riscaldamento. L'utilizzo di legna non stagionata non comporta solo difficoltà nell'accensione del fuoco, ma può anche danneggiare l'apparecchiatura stessa se si lascia che si accumuli troppa umidità all'interno dei suoi componenti.

La legna che non viene essiccata correttamente prima dell'uso ha anche un rischio maggiore di bruciare in modo improprio a causa di sacche d'aria all'interno del ceppo che intrappolano le braci calde invece di farle uscire nel camino come dovrebbero. Queste sacche d'aria si formano quando l'acqua evapora attraverso le fessure tra gli anelli dopo essere entrata in contatto con il calore dell'essiccazione.

Per evitare questi problemi è necessario ispezionare regolarmente l'apparecchio a legna e provvedere alla sua manutenzione secondo le istruzioni del produttore. Utilizzate solo legna stagionata, perché la legna non stagionata potrebbe danneggiare la vostra stufa o addirittura provocare un incendio!

Tiraggio insufficiente

Quando la stufa a legna ha un tiraggio insufficiente, il fumo viene spinto verso il basso nel focolare. Questo crea una riserva nella canna fumaria e quindi un accumulo eccessivo di creosoto. Quando ciò accade, può causare problemi di salute, a seconda della gravità dell'infestazione che si verifica al momento dell'ispezione da parte di uno spazzacamino professionista.

La porta è aperta troppo spesso

Lo sportello della stufa a legna è come il tappo della benzina di un'auto. Deve essere chiuso bene per bruciare in modo efficiente e sicuro. Se si lascia la porta aperta troppo spesso, l'aria entra e i carboni ardenti escono!

Se avete problemi ad avviare la stufa a legna, aprite la serranda. Questo aiuterà a far fluire più ossigeno attraverso lo sfiato e il focolare della stufa, in modo che possa bruciare più caldo.

  • Una volta che il fuoco è acceso e brucia in modo sicuro, chiudetela per mantenere il calore all'interno.

Se la stufa a legna si spegne durante la combustione (e non è il caso di farlo per ogni carico di legna), aprite la porta quanto basta per far entrare un po' di ossigeno, ma non troppo per far rientrare in casa fumo o carboni ardenti! Lasciate trascorrere due minuti prima di richiudere.

Il punto fondamentale per la messa in funzione di qualsiasi nuovo apparecchio, compresa la stufa a legna, è la pazienza. Non ci sono scorciatoie quando si impara a far funzionare qualcosa di così semplice ma potente come un caminetto o un forno da esterno. Bisogna lasciarli "scaldare" correttamente per far sì che possano fare la loro magia per tutto l'inverno!

La porta della stufa è chiusa troppo presto

  • Potreste notare che il vostro fuoco inizia a spegnersi quando chiudete la porta troppo presto. Questo perché l'aria ha bisogno di tempo per entrare attraverso il sistema di controllo del tiraggio, che si riscalda e inizia a immettere ossigeno nella camera di combustione. Se si chiudono le porte troppo presto prima che questo avvenga, si possono verificare problemi di riaccensione o di mantenimento del fuoco.
  • Se avete problemi con il fuoco che si spegne in continuazione, è probabile che la porta sia stata chiusa troppo presto. Il modo migliore per evitare questo problema è quello di stabilire un tempo specifico per il funzionamento del sistema di controllo delle correnti d'aria prima di chiudere la porta del caminetto. Questo può variare da un produttore all'altro, quindi assicuratevi di scoprire cosa funziona nel vostro modello attraverso una ricerca o chiedendo a un esperto.
  • Potreste notare che il fuoco inizia a spegnersi quando chiudete la porta in anticipo. Questo perché l'aria ha bisogno di tempo per entrare attraverso il sistema di controllo del tiraggio, che si riscalda e inizia a immettere ossigeno nella camera di combustione. Se si chiudono le porte troppo presto prima che questo avvenga, si possono verificare problemi di riaccensione o di mantenimento del fuoco.
  • Se avete problemi con il vostro caminetto che si spegne in continuazione, è molto probabile che il problema sia legato alla chiusura troppo rapida della porta della stufa a legna. Il modo migliore per risolvere questo tipo di problema è quello di stabilire un periodo di tempo in cui lasciare tutto aperto prima di richiuderlo, in modo da far entrare più ossigeno nella camera di combustione. Questa impostazione può variare da un modello all'altro di stufa, quindi assicuratevi di scoprire cosa funziona meglio con il vostro modello attraverso una ricerca o chiedendo a un esperto.
  • Si può anche provare a utilizzare una rete per bloccare una parte dell'aria che entra quando la stufa è ancora aperta e sta bruciando; questo aiuterà a far funzionare la stufa più a lungo prima di doverla chiudere per avere più ossigeno. Anche in questo caso, provate diversi metodi fino a trovare quello che funziona meglio per le vostre esigenze e circostanze specifiche.
  • Se la chiusura anticipata diventa un'abitudine, non c'è tempo sufficiente per un'adeguata accensione del fuoco e per mantenerlo acceso durante il ciclo notte/giorno, quando necessario.

Le prese d'aria della stufa sono chiuse

Una delle cause più comuni di spegnimento di una stufa è la chiusura delle prese d'aria, che riduce il flusso d'aria. Il flusso d'aria può essere aumentato aprendo le finestre e le porte di altre stanze o aumentando i controlli delle correnti d'aria sulla stufa a legna.

  • Se avete una stufa a legna, il primo passo da fare è sempre quello di aprire le sue prese d'aria.
  • Il secondo motivo comune per cui le stufe si spengono è che non vengono alimentate a sufficienza. Per evitarlo, assicuratevi che ci sia legna in abbondanza prima di accendere la stufa e non riempitela troppo di ceppi, perché una quantità eccessiva può ostruire il flusso d'aria causando problemi di fumo o addirittura pericolose fiammate.

Chiudere troppo presto le prese d'aria della stufa

Chiudere troppo presto le bocchette dell'aria è un'altra causa comune di spegnimento di una stufa a legna. Se si chiudono prima che tutte le braci si siano spente, non ci vorrà molto perché il fuoco si spenga e rimanga solo cenere fredda nella stufa.

Se questo accade una o due volte può non essere un problema, ma se lo si fa ogni volta che si accende, si brucia il minimo indispensabile e si formano intasamenti di fuliggine che potrebbero causare problemi futuri quando si cerca di riaccendere il fuoco.

Scarsa ventilazione della stanza

  • Mancanza di una canna fumaria o di un camino adeguati che permettano la fuoriuscita del fumo.
  • Tenere chiusa la porta della stanza quando si accende e si brucia la legna sulla stufa. Questo perché i gas bruciati, come il monossido di carbonio e il metano, rimangono all'interno della stanza se non c'è un adeguato flusso d'aria intorno a loro, il che significa che non riescono a risalire il camino.
  • Se la stanza non è ventilata, diversi piccoli incendi possono diventare grandi.
  • Se avete combattuto diversi incendi nella vostra stufa, è fondamentale che apriate le finestre e le porte in altre stanze della casa o anche all'esterno per qualche tempo dopo. In questo modo i gas sprigionati da tutte le piccole fiamme potranno fuoriuscire prima di far rientrare l'aria fresca all'interno, altrimenti potrebbero rimanere in attesa di un incendio vero e proprio, il che sarebbe davvero molto pericoloso!

La stufa è nuova

  • Avete la vostra nuova stufa da un po' di tempo, ma avete ancora problemi a tenerla accesa.
  • Il problema è che la stufa continua a spegnersi.
  • Non è colpa vostra: le stufe come questa sono difficili da avviare e mantenere accese, soprattutto se siete alle prime armi con le stufe a legna.

Il problema è che la legna non è abbastanza asciutta – Quando si tratta di accendere un fuoco nella stufa a legna, l'asciutto è importante. Se questo significa avere rami di alberi caduti o tronchi secchi vicino a una fiamma aperta per ore e ore, ben venga. Assicuratevi solo che siano ben asciutti prima di metterli sul fuoco. Perché? Perché la legna bagnata non brucia bene a causa del suo basso contenuto energetico; l'umidità riduce l'efficienza della combustione aumentando la massa del combustibile senza aggiungere calore utile.

  • Inoltre, si può produrre fumo umido, che è di fatto un inquinante.
  • Quando si taglia la legna, c'è sempre un modo semplice per capire se è abbastanza asciutta per essere utilizzata sulla stufa: il test del peso. Se i pezzi di legna appena tagliati sono più leggeri di quando erano verdi o bagnati, significa che tutta l'umidità è evaporata e sono pronti per essere bruciati.

La stufa non riceve abbastanza aria – Un altro problema nell'accensione di fuochi in stufe come questa (e nella maggior parte degli altri tipi) è l'assenza di un flusso d'aria sufficiente all'interno della camera di combustione in cui avviene la combustione; la mancanza di un'adeguata ventilazione soffoca rapidamente qualsiasi fiamma avviata all'interno dei suoi confini, perché senza ossigeno nulla può bruciare bene, soprattutto i combustibili ricchi di carbonio come la legna.

La serranda è chiusa

Se la vostra stufa a legna tende a spegnersi, potrebbe essere perché la serranda è chiusa. La serranda controlla la quantità di aria che entra nel focolare della stufa e può avere un impatto significativo sulla qualità della combustione. Se la serranda è troppo chiusa, non entrerà abbastanza ossigeno per una corretta combustione, o se è troppo aperta, potrebbero fuoriuscire fumi pericolosi che porterebbero a un ambiente non sicuro all'interno della vostra casa, cosa che non volete!

Va inoltre notato che la chiusura di tutti e sei i lati durante il funzionamento crea una contropressione che rende più difficile l'estrazione di calore dalla stanza e limita il trasferimento di calore per riscaldare l'acqua (ottimo per le docce!). Finché non ci sono fiamme che escono da qualsiasi parte dell'apparecchio, l'unica cosa che dovrebbe emettere fumo è la canna fumaria.

Se non siete sicuri che la vostra serranda sia completamente chiusa o aperta, forse è il caso di rivolgersi a un professionista: un esperto con anni di esperienza può aiutarvi a diagnosticare i problemi e a determinare tutte le possibili soluzioni.

Perché la stufa a legna continua a spegnersi Se la vostra stufa a legna tende a spegnersi, potrebbe essere perché la serranda è chiusa. La serranda controlla la quantità di aria che entra nel focolare della stufa e può avere un impatto significativo sulla qualità della combustione. Se la serranda è troppo chiusa, non entrerà abbastanza ossigeno per una corretta combustione, o se è troppo aperta, potrebbero fuoriuscire fumi pericolosi che porterebbero a un ambiente non sicuro all'interno della vostra casa, cosa che non volete!

Va inoltre notato che la chiusura di tutti e sei i lati durante il funzionamento crea una contropressione che rende più difficile l'estrazione di calore dalla stanza e limita il trasferimento di calore per riscaldare l'acqua (ottimo per le docce!). Finché non ci sono fiamme che escono da qualsiasi parte dell'apparecchio, l'unica cosa che dovrebbe emettere fumo è la canna fumaria.

Se non siete sicuri che la vostra serranda sia completamente chiusa o aperta, forse è il caso di rivolgersi a un professionista: un esperto con anni di esperienza può aiutarvi a diagnosticare i problemi e a determinare tutte le possibili soluzioni.

Troppa cenere nella stufa

Se la stufa si spegne, potrebbe esserci troppa cenere sul fornello. Questo può impedire alla stufa di bruciare correttamente e causare problemi di ogni tipo, come l'ingresso di fumo nella stanza o il fatto che non rimanga accesa a lungo. Se pensate che questo possa accadere, prendete una piccola pala (o qualcosa di simile) e raccogliete le braci rimaste dopo la combustione.

Non è un problema che si presenta spesso, ma può accadere se ci si dimentica della stufa per un po' e si lascia che si accumuli troppa cenere.

Per continuare a scrivere queste frasi, cliccate sulla freccia verde in basso.

Troppa poca cenere nella stufa

Se c'è molta cenere nella stufa a legna, non c'è abbastanza spazio per bruciare in modo efficace. Il fuoco ha bisogno di ossigeno e troppa cenere significa meno flusso d'aria. Se la legna brucia correttamente, al termine delle tre fasi di combustione dovrebbe rimanere poca o nessuna cenere. Una quantità adeguata di calore farà sì che il fumo che esce diventi nero a causa della combustione del carbonio, il che indica che tutto ciò che si trova all'interno è stato completamente incenerito e convertito in energia e vapori di gas pronti a fuoriuscire attraverso la canna fumaria a livelli di temperatura elevati (superiori a 1000 °F).

Come mantenere in funzione un bruciatore a legna

Assicuratevi di avere una scorta sufficiente di legna e ceppi. La legna deve essere asciutta per bruciare bene. Se il fuoco non riceve abbastanza ossigeno, può causare problemi di mantenimento. È quindi necessario far entrare più aria nella stufa aprendo finestre o porte sui lati opposti della stanza. È anche possibile creare una ventilazione incrociata posizionando un ventilatore elettrico su un lato del caminetto, se non ci sono porte aperte su entrambi i lati del luogo in cui si brucia il combustibile.

Quando accendete il fuoco, non usate liquidi per accendini o benzina. Questi possono ricoprire la stufa e rendere più difficile la presa della legna, oltre a produrre fumi pericolosi che potrebbero aumentare il rischio di un incendio domestico. Per accendere correttamente un fuoco di legna, accartocciate un po' di giornale e mettetelo sul fondo del caminetto prima di aggiungere i bastoncini di legna. Quindi, sistemate un pezzo di ceppo spaccato su entrambe le estremità, con un altro ceppo più piccolo appoggiato di traverso a mo' di ponte (il cosiddetto "camino"). Accendete questa composizione con fiammiferi o accendini a gas butano e lasciatevela tutta la notte per assicurarvi che tutte le parti si siano incendiate completamente, senza che rimangano pezzi fumanti che fumeranno quando verranno aggiunti al carico principale di combustibile.

Agenzia per la protezione dell'ambiente sulle stufe a legna

L'EPA ha emanato nuove linee guida sulle stufe a legna. Sono molti gli elementi che possono causare lo spegnimento della stufa se non sono sottoposti a una manutenzione adeguata. Una di queste è la mancata pulizia della canna fumaria: se non la si pulisce almeno una volta all'anno, il creosoto si accumula al suo interno causando una riduzione del tiraggio e una cattiva combustione, con conseguente emissione di fumo sporco in casa.

Il creosoto contiene tossine che influiscono sulla qualità dell'aria negli ambienti interni, quindi diventa anche un problema ambientale! Un'altra ragione potrebbe essere l'errata installazione o riparazione di alcune parti, ma è davvero difficile accorgersene senza un regolare controllo di manutenzione da parte di un professionista, motivo per cui le persone amano far installare questi apparecchi da professionisti per la sicurezza e la tranquillità.

Come qualsiasi altro elettrodomestico, anche le stufe a legna devono essere sottoposte a regolare manutenzione per garantire la sicurezza e le migliori prestazioni più a lungo. Questo è particolarmente vero quando arriva il freddo, perché è essenziale che gli apparecchi di riscaldamento funzionino bene durante le interruzioni di corrente o nei periodi in cui non possiamo permetterci che non funzionino! Quindi, se non avete controllato il vostro di recente, prendetevi un momento prima che arrivi l'inverno, per evitare di trovarvi al freddo!

Consigli di sicurezza per le stufe a legna

  • Assicuratevi di seguire sempre le linee guida e le avvertenze di sicurezza del produttore.
  • Affidare le riparazioni o la manutenzione a un professionista.
  • Assicurarsi di collocare la stufa a legna in un'area che consenta un flusso d'aria e una ventilazione adeguati.
  • Accendere il fuoco con ceppi secchi e stagionati di dimensioni adeguate, disponendoli in modo ordinato sopra a dei ceppi di legna (si sconsiglia l'uso di liquido per accendini).
  • Prima di accendere il fuoco, aprite lo sportello della stufa e metteteci sopra un paravento robusto.
  • Se la stufa a legna inizia a fumare, abbassare immediatamente il riscaldamento e aprire la canna fumaria, se è possibile farlo facilmente. In caso contrario, chiudete l'alimentazione del gas o di altro combustibile e chiamate l'assistenza il prima possibile. Assicuratevi che tutti siano fuori di casa fino a quando non vengono effettuate le riparazioni o un'ispezione da parte di un professionista.

Ci siamo passati tutti: non vedevamo l'ora di rilassarci davanti al nostro accogliente caminetto con gli amici nelle fredde notti d'inverno, per poi vedere tutto andare in fumo (letteralmente). Non c'è niente di peggio che vedere la fiamma perfettamente costruita spegnersi con la stessa rapidità con cui è nata!

Domande frequenti

Perché la mia stufa a legna continua a spegnersi?

È possibile che il flusso d'aria non sia sufficiente. Assicuratevi che la serranda della canna fumaria sia aperta e che il camino non sia ostruito da foglie o altri detriti, soprattutto se di recente c'è stato vento.

La mia stufa a legna è più grande di quanto indicato sul tubo, posso comunque utilizzare questo prodotto?

Sì! Il nostro kit per lo sfiato e le tubazioni del camino funziona anche per il vostro apparecchio di dimensioni maggiori. Se avete un inserto per camino senza condotti, vendiamo anche l'adattatore che va dal metallo al tubo flessibile.

Come faccio a sapere se la mia stufa richiede una serranda barometrica?

Se la vostra stufa a legna non ha una canalizzazione, dovrà essere dotata di una serranda di scarico barometrica o regolabile. Un kit di sfiato per camino standard non regolabile non può andare bene.

Conclusione

Una stufa a legna è un ottimo strumento per l'efficienza energetica della vostra casa. È un modo economico per stare al caldo e riduce anche la quantità di carbonio immessa nell'aria rispetto ad altre opzioni di riscaldamento come i forni a olio o a propano, che possono essere meno efficienti delle stufe elettriche. Tuttavia, se il vostro bruciatore a legna si è rivelato inaffidabile nel corso del tempo, ci sono diversi motivi per cui ciò può accadere che non hanno nulla a che fare con la climatizzazione! Ecco cinque problemi comuni che sono causati da queste distrazioni:

La legna da ardere potrebbe non essere abbastanza asciutta. La legna bagnata non brucia correttamente perché l'acqua contenuta evapora durante la combustione (evaporazione), riducendo i BTU totali prodotti per chilo, ma richiedendo comunque la stessa quantità di ossigeno.

Probabilmente la legna è troppo piccola! Quando si usano pezzi grandi come una matita o più piccoli, ci vuole più tempo per accendere il fuoco e i ceppi più grandi non riescono ad accendersi correttamente perché non c'è abbastanza spazio intorno a loro per la circolazione dell'aria. Il risultato? Il monossido di carbonio. Questo gas può uccidervi in appena mezz'ora se lo respirate in abbondanza, quindi evitatelo utilizzando legna secca di buona qualità che si incastri perfettamente e accendetela con carta di giornale imbevuta di liquido per accendini!