Stufe a legna

Perché la mia stufa a legna fa fumo?

Gli affumicatori a legna sono un ottimo strumento per cucinare piatti deliziosi. Possono anche essere utilizzati per asciugare i vestiti bagnati, per creare bellissimi ricordi con la famiglia e per fornire calore durante i freddi mesi invernali. Ma cosa succede quando si nota del fumo proveniente dal camino? Questo è molto pericoloso perché indica che il flusso d'aria nella stufa non è sufficiente. Questo potrebbe portare a un avvelenamento da monossido di carbonio o addirittura a un incendio!

Le stufe a legna possono essere un ottimo modo per riscaldare la casa, ma ci sono alcuni fattori che possono causare il fumo della stufa. In questo post esploreremo tre motivi per cui la vostra stufa a legna può produrre un fumo eccessivo e cosa dovete fare per risolvere il problema.

Perché la mia stufa a legna fa fumo?

Ci sono diversi motivi per cui la vostra stufa a legna potrebbe fumare. In questo articolo verranno esaminate le tre cause principali e verranno proposte delle soluzioni da prendere in considerazione nel caso in cui si verifichi questo problema con il vostro apparecchio.

Il primo motivo per cui la stufa a legna potrebbe fumare è che non riceve un flusso d'aria sufficiente. Quando il focolare di una stufa a legna diventa troppo caldo, attraverso la presa d'aria può entrare meno ossigeno per alimentare la fiamma. Ciò si traduce in una combustione ridotta e in prestazioni di riscaldamento scadenti, oltre che in un aumento della produzione di fuliggine dovuta alla combustione incompleta del combustibile all'interno dell'apparecchio stesso.

Il modo migliore per evitare che questo problema si verifichi è quello di tenere chiuse tutte le porte dell'apparecchio quando al suo interno sono sempre presenti dei fuochi; inoltre, bisogna assicurarsi che le porte siano ben chiuse e non presentino spazi vuoti.

Questo ci porta alla seconda causa: le perdite. Se non c'è una chiusura ermetica tra ogni porta e il focolare o la canna fumaria, i prodotti della combustione, come fumo e fuliggine, possono infiltrarsi attraverso queste fessure. Di solito questo accade perché la stufa non è in piano; a volte è sufficiente riposizionare leggermente l'apparecchio per risolvere il problema.

Se il pavimento intorno all'apparecchio è già perfettamente piano, ma non si riesce comunque a evitare le perdite, per risolvere completamente il problema potrebbero essere necessarie nuove guarnizioni per ogni porta della stufa a legna.

Infine, a volte si verifica un tiraggio insufficiente all'interno della canna fumaria di un apparecchio a legna che provoca un fumo eccessivo durante il funzionamento. Come per i due motivi precedenti, anche in questo caso si tratta di problemi di flusso d'aria e non solo di aspirazione dell'aria.

Un camino non pulito o bloccato

I camini bloccati o non puliti causano un accumulo di creosoto. Il creosoto può incendiarsi, provocando il fumo della stufa a legna e creando una situazione di pericolo in casa.

Quando si accende il fuoco, assicurarsi che non vi siano accumuli di fuliggine sulle pareti interne del caminetto. Se la fuliggine si accumula troppo, intasa la canna fumaria e impedisce al calore di uscire attraverso il foro di sfiato superiore (chiamato serranda).

Inoltre, quando si cerca di accendere il fuoco, il fumo si diffonde nello spazio abitativo. Per ottenere risultati ottimali, è necessario spazzare sempre almeno una volta alla settimana e pulire i detriti rimasti dopo ogni utilizzo nei mesi più freddi, se non più spesso.

Assicuratevi sempre che non ci siano accumuli di creosoto all'interno, utilizzando una spazzola metallica su qualsiasi residuo di fuliggine intorno al focolare, alla canna fumaria o alle pareti esterne dopo aver ripulito le ceneri dei ceppi bruciati. Per istruzioni più dettagliate, leggete qui di seguito. Seguire attentamente questa fase, poiché la mancata osservanza di questa procedura potrebbe causare gravi conseguenze, come l'avvelenamento da monossido di carbonio, che può causare la morte se non viene trattato immediatamente!

Si consiglia vivamente di rivolgersi a una ditta di spazzacamini professionisti che saprà come completare queste operazioni in sicurezza senza rischiare danni o lesioni. Se decidete di farlo da soli, assicuratevi di seguire attentamente queste istruzioni e, se non vi sentite a vostro agio, contattate un professionista del settore.

Scarsa qualità di tiraggio

Il tiraggio è la causa principale del fumo proveniente dalla stufa. Un cattivo tiraggio si verifica quando l'aria che entra nel fuoco non è sufficiente a sostenerlo e ad allontanare i gas attraverso i camini o le canne fumarie. Un combustibile bruciato male crea anche un eccesso di creosoto, che ha una consistenza oleosa e può riempire rapidamente un'area di combustione se non viene rimosso con una ventilazione adeguata.

Il risultato è una serie di problemi: scarsa resa termica, livelli di emissioni estremamente elevati in alcuni casi (il che significa che si respirano fumi tossici), condizioni di funzionamento non sicure per la famiglia e odori ancora peggiori che si sprigionano dall'interno del vostro spazio abitativo!

Anche una serranda di aspirazione difettosa o mal regolata può contribuire a un cattivo tiraggio. Se la serranda è troppo chiusa, non entra abbastanza aria per una corretta combustione; se è troppo aperta, si possono verificare problemi di ogni tipo con correnti d'aria e fuoriuscita di fumo in casa.

È necessario che ci sia un buon tiraggio e un adeguato apporto di ossigeno che entri nel fuoco alla giusta velocità (l'accendino deve bruciare abbastanza a fondo prima di iniziare a costruire pezzi più grandi).

Esistono diversi modi per migliorare le correnti d'aria: l'installazione di aperture intorno ai camini in cui si verifica frequentemente l'accumulo di creosoto, il riposizionamento dei tubi delle stufe in modo che incontrino più direttamente le linee del tetto e la regolazione delle serrande delle stufe/camini.

Ceppi non stagionati o umidi

È possibile che i ceppi di legna non siano stagionati o siano fatti di legno umido. La combustione di questi tipi di ceppi non solo produce più fumo, ma emette anche poco calore e a volte può addirittura spegnere completamente il fuoco. Per evitare questo problema, vi suggeriamo di utilizzare legna dura stagionata per garantire la migliore combustione ed efficienza possibile.

  • Se la canna fumaria è ostruita, è probabile che la stufa a legna produca fumo.
  • I ceppi di legno non stagionati o fatti di legno umido possono causare problemi all'interno dell'abitazione quando vengono bruciati, perché emettono poco calore e spengono completamente il fuoco. Per evitare questo problema, consigliamo di utilizzare legna dura stagionata per garantire una buona combustione ed efficienza.

Scarsa ventilazione

Uno dei motivi più comuni per cui una stufa a legna può fumare è la scarsa ventilazione. Se la stufa è collocata in uno spazio chiuso, come una piccola nicchia o una stanza, senza possibilità di far circolare l'aria, può causare seri problemi a voi e a chi vive nelle vicinanze.

Questo provoca un aumento della pressione all'interno dell'abitazione, che spinge le particelle di fumo a uscire in casa attraverso crepe e fessure: non è l'ideale! Dovete sempre assicurarvi che ci siano delle prese d'aria aperte nelle vicinanze, in modo che l'aria calda del camino non rimanga intrappolata all'interno dell'abitazione senza poter andare da nessuna parte. I camini poco ventilati sono un altro motivo per cui le stufe a volte producono emissioni di fumo nero.

Rivestimento del camino inadeguato

Uno dei motivi più comuni per cui una stufa a legna produce fumo è la presenza di una canna fumaria inadeguata. La canna fumaria in acciaio inox deve essere sufficientemente alta da eliminare eventuali ostruzioni presenti nel camino, come nidi di uccelli o altri detriti. Se la canna fumaria non arriva fino alla linea del tetto, anche questo può interferire con la capacità del calore del fuoco di salire attraverso il tubo e uscire dall'apertura del camino.

Oltre a essere troppo corto o a non estendersi a sufficienza verso l'alto nel sistema di copertura, un altro motivo di scarso tiraggio potrebbe essere la presenza di buchi nelle aree intorno ai punti di collegamento di parti importanti nella parte superiore del tubo stesso. Ciò significa che l'aria trapela tra le sezioni invece di salire e uscire dal camino, cosa necessaria per creare un tiraggio.

Se avete già provato queste due cose e il fumo persiste, potrebbe esserci un altro fattore in gioco: la mancanza di un controllo o di una serranda di aspirazione dell'aria installata sulla stufa stessa. Ciò significa che i gas di scarico caldi fuoriescono attraverso la canna fumaria senza essere aspirati all'esterno dal nostro metodo naturale di sfiato dei caminetti; quando ciò accade, si creano correnti di ritorno verso l'interno dell'abitazione, dove si possono vedere scintille (o addirittura fiamme) che fuoriescono da piccole fessure intorno agli stipiti delle porte o in prossimità delle pareti dove entrano in gioco le bocchette.

Questi segnali dovrebbero servire ad avvertire che un caminetto a legna aperto deve avere un'apertura da qualche altra parte in alto, in modo che i gas di combustione possano fuoriuscire correttamente.

Perché la mia stufa a legna fa fumo quando la accendo?

Innanzitutto, assicuratevi che la stufa sia stata pulita correttamente e che non sia piena di cenere proveniente da una precedente combustione. Se nella camera di combustione della stufa a legna sono presenti forti depositi di cenere, ciò può causare una combustione incompleta e un cattivo tiraggio. Una combustione incompleta produce fumo che lascia strisce nere sulla porta di vetro dell'inserto del caminetto o di un altro apparecchio.

Quando si accende la stufa a legna si avverte anche un odore estremamente sgradevole: non ignorate questi segnali! Dopo aver eliminato tutta la cenere cattiva dall'interno del bruciatore a legna, rimuovete i residui di fuliggine in eccesso pulendo ogni vetro laterale per evitare problemi di surriscaldamento in seguito.

Alcuni motivi per cui una nuova stufa a legna può produrre un fumo eccessivo possono essere i seguenti:

  • La stufa brucia il tipo di legna sbagliato.
  • Un'alimentazione d'aria insufficiente all'accensione di un nuovo fuoco o un tiraggio insufficiente per tutta la durata della combustione causano una combustione incompleta e la formazione di fumo. Ciò può essere causato da una presa d'aria troppo piccola, ad esempio aprendola oltre i limiti previsti, che provoca correnti d'aria contrarie che attirano i fumi nell'ambiente in cui si vive invece di farli uscire attraverso la canna fumaria.
  • La legna non adeguatamente stagionata prima di essere bruciata all'interno dell'inserto del caminetto può anche causare residui di fuliggine nera sulle porte di vetro e problemi di fumo eccessivo, perché i tronchi verdi producono più catrame di quelli secchi. Se di recente avete abbattuto degli alberi intorno alla vostra proprietà, assicuratevi che la legna si asciughi prima di bruciarla all'interno.
  • Se avete usato un accendifuoco con il vostro nuovo inserto per caminetto, anche questo potrebbe causare un eccesso di calore e di fumo: usate solo legna normale o tronchi naturali già morti invece di acquistare quelli finti che producono fumi di monossido di carbonio.
  • La cenere accumulata all'interno della stufa non può essere rimossa durante i periodi in cui non si brucia, perché la cenere può diventare estremamente calda dopo diverse ore di esposizione alla fiamma: non rimuovere la cenere finché non diventa completamente fredda! Non utilizzare mai l'acqua su qualsiasi tipo di accumulo di residui, ma maneggiare solo ciò che si può spazzolare con sicurezza a mano, se possibile. Le piccole quantità devono essere smaltite in bidoni metallici all'esterno, lontano da materiali combustibili.
  • La serranda o la canna fumaria del camino non sono aperte. Per avere un buon tiraggio della canna fumaria, è necessario tenere queste aree sempre sgombre; utilizzate guanti e una spazzola speciale per questo lavoro, in modo da non scottarvi le mani se si surriscaldano, causando più fumo in casa! È inoltre possibile acquistare estensioni compatte che si agganciano agli inserti per caminetto esistenti con schermi, consentendo una migliore circolazione dell'aria dall'esterno verso l'area interna in cui è collocato l'inserto della stufa a legna.

Cosa devo fare se la mia stufa a legna continua a fumare?

Prima di chiamare un'azienda di servizi di installazione, si possono adottare diverse misure:

  • Assicurarsi di utilizzare il materiale d'avviamento corretto all'interno della nuova stufa a legna, in genere composto da segatura compressa anziché da starter chimici che possono produrre fumi pericolosi.
  • Controllare che non ci siano correnti d'aria intorno alle pareti esterne e alle finestre della casa in cui è stata installata la stufa: se si nota un'eccessiva fuoriuscita di calore o addirittura del fumo, significa che ci sono delle perdite che permettono all'aria fredda di entrare negli ambienti abitativi.
  • Se possibile, allontanate i mobili dagli inserti del caminetto per non bloccare il flusso d'aria; assicuratevi inoltre che l'area sia libera prima di accendere un nuovo fuoco! Inoltre, assicuratevi che tutti gli sportelli della serranda siano completamente aperti quando provate diversi metodi per ridurre il fumo delle stufe a legna. Assicurarsi che la canna fumaria sia sempre conforme alle norme edilizie locali!

Come posso evitare che la mia stufa a legna faccia fumo?

Per evitare che il fumo riempia troppo l'ambiente in cui si vive, si possono seguire i seguenti accorgimenti:

  • Mantenere sempre pulita la stufa, soprattutto dopo averla spenta per un periodo di tempo in cui non si accende il fuoco. Quando è necessario, posizionare uno schermo sulla parte superiore per evitare che la cenere o i residui si accumulino sui pavimenti.
  • Assicurarsi che la legna che viene bruciata all'interno dell'inserto per caminetto sia stata correttamente essiccata prima dell'uso e bruciare solo piccole quantità di legna alla volta che produrranno meno catrame in generale durante le procedure di avvio.
  • Per creare un buon tiraggio, aprire completamente gli sportelli della serranda e lasciarli aperti durante l'accensione di nuovi fuochi, ma assicurarsi che siano chiusi ermeticamente una volta accesa la fiamma; inoltre, tenere l'area libera da qualsiasi oggetto domestico che possa bloccare l'accesso alla canna fumaria o al focolare.
  • Non utilizzare accenditori che possono produrre sostanze chimiche nocive quando bruciano all'interno di una stufa a legna! Per le procedure di accensione, bruciare solo materiali naturali come ramoscelli e foglie secche. Prima di accendere una nuova fiamma, assicurarsi che tutte le aree in cui si trova l'inserto per caminetto siano libere!

Come posso rendere la mia stufa a legna meno fumosa?

Può essere necessario un po' di tempo, ma mantenere pulito l'inserto del caminetto appena installato, con piccole quantità di residui che si accumulano in modo equilibrato, sarà la soluzione più efficace per controllare l'eccesso di fumo durante i periodi di combustione:

  • Accertarsi sempre che venga utilizzato un ceppo di dimensioni adeguate, misurandolo rispetto all'apertura del focolare dopo aver eliminato le ceneri dell'ultima combustione.
  • Bruciare una piccola quantità di legna per creare un buon tiraggio prima di aggiungere nuovi ceppi; inoltre, non riempire mai troppo l'inserto del caminetto con la legna! Assicurarsi che le porte della serranda siano completamente aperte per questa procedura.
  • Mantenere l'area libera da mobili o da qualsiasi cosa che possa bloccare l'accesso alla canna fumaria o al focolare durante la combustione; se il fumo continua, rimuovere tutti gli oggetti e lasciare un periodo di raffreddamento di qualche ora per ridurre l'elevato accumulo di calore all'interno della stufa.

Quali sono le cause del fumo della stufa a legna?

Le cause dell'eccesso di fumo durante la combustione sono molteplici e possono provocare l'accumulo di residui scuri sulle pareti intorno all'inserto del caminetto appena installato:

  • Le porte delle serrande dell'inserto per caminetto non sono completamente aperte o chiuse durante le procedure di avvio.
  • All'interno della stufa a legna vengono utilizzati ceppi di dimensioni inadeguate!
  • La brace è troppo grande per l'inserto del caminetto; bruciare solo una piccola quantità di legna per volta per creare un buon tiraggio prima di inserire una nuova brace nell'apertura del focolare.
  • Per accendere il fuoco, utilizzare solo materiali naturali come ramoscelli e foglie secche; non utilizzare prodotti chimici per accendere la stufa a legna!
  • Assicurarsi che l'area sia libera da qualsiasi mobile che blocchi l'accesso alla canna fumaria durante la combustione; se il fumo continua, rimuovere tutti gli oggetti intorno all'installazione dell'inserto per caminetto. Lasciare un periodo di raffreddamento di qualche ora dopo aver rimosso gli oggetti riscaldati, poiché in questi tipi di aree si può verificare un elevato accumulo di calore.

Aria fredda intrappolata nella stufa alla prima accensione

Quando una stufa nuova viene accesa per la prima volta, l'aria fredda riempie la camera di combustione. Quando è fredda, l'ossigeno fresco deve mescolarsi con il monossido di carbonio e l'idrogeno già presenti. Ciò può provocare fumo, poiché a questo punto la combustione non è facile. Con il tempo, continuando a usare la stufa a legna, dovrebbe diventare più facile per il bruciatore accendersi correttamente senza fumo o accumuli di creosoto!

Il fumo può anche indicare una riduzione dell'afflusso d'aria. È più probabile che questo sia causato da una canna fumaria troppo corta o ostruita in qualche modo. Se il tubo della stufa non è aperto fino alla camera di combustione, il fumo si accumulerà lentamente durante l'uso, causando una riduzione del calore della stufa a legna e potenzialmente un odore sgradevole!

Se si produce fumo quando si utilizza la stufa a legna per lunghi periodi, ciò potrebbe significare che su queste parti dell'apparecchio si è formato un eccesso di creosoto:

Le aree in cui si verifica la maggior parte del fumo si trovano spesso intorno alle porte/finestre, ai giunti e alle curve della canna fumaria e alle serrande. L'accumulo di creosoto in queste aree può causare un incendio, quindi è importante pulirle accuratamente. In questo modo la stufa funzionerà al meglio e si ridurrà anche il rischio di essere esposti a fumi pericolosi durante l'utilizzo della stufa a legna!

Il fumo proveniente da un elettrodomestico non è mai normale, ma se avete bisogno di aiuto per eliminare il creosoto, questo articolo fornisce consigli su come farlo: Come rimuovere l'accumulo di creosoto dalla stufa a legna.

Come accendere una stufa a legna per eliminare il fumo

  • Se la legna è troppo secca, brucia troppo velocemente. Questo può provocare fumo perché non c'è abbastanza tempo per bruciare tutti i gas e il creosoto. Se la legna è stata tagliata da meno di un anno, potrebbe essere necessario lasciarla riposare in un luogo non riscaldato in modo che si asciughi correttamente prima di utilizzarla o bruciarla all'interno della casa. Si può anche provare a dividere i pezzi più grandi in pezzi più piccoli (che permettono di riposare più a lungo) invece di acquistare legna da ardere dal negozio che è già stata essiccata al forno.
  • Assicuratevi che la serranda sia aperta. Se la stufa è dotata di uno sportello a tenuta d'aria, può provocare fumo perché non arriva abbastanza ossigeno nel focolare o nella canna fumaria per far bruciare completamente il combustibile. Assicuratevi di aprire questo sfiato quando accendete e mantenete il fuoco a legna, in modo da evitare che il fumo esca da qui.
  • Se tutto il resto non funziona, provate ad accendere il fuoco con della carta di giornale invece che con della legna da ardere. Poiché la carta brucia molto più facilmente dei pezzi di legno più grandi, dovrebbe aiutare a eliminare il fumo residuo all'inizio e a far crescere le fiamme prima di passare a ciocchi più grandi più avanti nel ciclo di combustione. Fate solo attenzione a non lasciare che le braci si spengano durante la loro visita!

Aspettare che le fiamme si spengano

Se la legna continua a fumare dopo circa cinque minuti di combustione, potrebbe essere necessario regolare l'ingresso dell'aria. Se c'è troppo ossigeno nel focolare, il fumo continuerà a uscire dalla stufa e a penetrare in casa. Controllate che tutte le bocchette siano aperte correttamente e, se ciò non dovesse bastare, provate a chiuderle un po' di più.

Si può anche verificare con il produttore la quantità di aria fresca che dovrebbe entrare attraverso il modello in questione: la maggior parte di essi è in grado di indicare le dimensioni e la lunghezza del tubo che consigliano di utilizzare, nonché la necessità o meno di una canna fumaria esterna (un tubo metallico installato all'interno di una canna fumaria in muratura esistente). La maggior parte dei manuali d'uso contiene questi dettagli, quindi non dimenticate di leggere attentamente prima dell'acquisto!

Come aprire la porta di una stufa a legna per evitare l'uscita di fumo

Se volete aprire la porta della vostra stufa a legna, ecco alcuni ottimi consigli che vi aiuteranno a farlo.

  • Innanzitutto assicuratevi che la porta sia ben chiusa. In caso contrario, aprite il focolare e richiudete la stufa prima di continuare a leggere questo articolo.
  • Assicuratevi di avere una zanzariera davanti alle finestre vicine al punto in cui aprite o chiudete la stufa a legna, in modo da evitare che il fumo esca da lì quando lo fate. L'ultima cosa che si vuole è che i vicini chiamino il 911 perché pensano che stia andando a fuoco qualcosa!
  • Quando aprite la porta di una stufa a legna, assicuratevi di usare la maniglia e non qualsiasi altra parte della stessa. Questo potrebbe danneggiare le tubature della canna fumaria.
  • Assicuratevi che il paravento del caminetto sia ben aderente alla stufa a legna, in modo che non esca fumo da sotto o intorno ad esso quando aprite o chiudete la porta del focolare. Se ci sono delle fessure, riempitele con del mastice prima di provare a richiudere lo sportello, se è questo che ha causato la fuoriuscita di fumo! Questo aiuterà anche a evitare che le scintille volino in aree in cui non dovrebbero esplodere la prossima volta che un tizzone caldo salta su qualcos'altro durante il funzionamento!
  • Usate il buon senso durante tutte queste attività e ricordate una cosa molto importante: se non volete respirare altro fumo, assicuratevi che la vostra stufa a legna sia stata installata correttamente prima di utilizzarla per la prima volta.
  • Se questi consigli non sono serviti a risolvere il problema della canna fumaria quando si apre o si chiude lo sportello del focolare del vostro apparecchio, vi consiglio di rivolgervi a un rivenditore autorizzato e chiedere informazioni sui loro servizi. Saranno in grado di ispezionare la causa di tutto ciò, in modo che possiate utilizzare nuovamente il vostro camino senza preoccuparvi di inalare troppo fumo!

Consigli per la sicurezza

  • Tenere una finestra aperta quando si utilizza la stufa. In questo modo si evita la formazione di livelli pericolosi di monossido di carbonio all'interno della casa o della cabina. Se non è possibile tenere aperta una finestra, sarebbe meglio avere a disposizione una fonte di calore alternativa per ogni evenienza. È inoltre importante che le canne fumarie rimangano sempre libere per evitare problemi durante l'uso, soprattutto se non vengono utilizzate per lunghi periodi di tempo, dove polvere e altre particelle possono accumularsi su di esse.
  • Assicurarsi di utilizzare legna stagionata e ben essiccata prima dell'uso, nonché di mantenere un flusso d'aria adeguato attraverso i ceppi, impilandoli correttamente con spazi d'aria tra ogni pezzo di legno inserito nel focolare. Assicurarsi che non esca un fumo pesante, che potrebbe indicare un eccessivo apporto di ossigeno.
  • Il corretto funzionamento delle serrande è essenziale per evitare problemi di fumo, quindi è importante tenerle chiuse quando non sono necessarie, soprattutto nelle stufe più vecchie, realizzate prima dei sistemi di controllo automatico del tiraggio e di altri moderni aggiornamenti del design delle stufe.
  • Si può capire se il flusso d'aria non è sufficiente controllando che non fuoriescano fiamme intorno ai bordi del vetro dello sportello o all'interno, in prossimità delle cerniere, e che non vi siano segni di annerimento nei punti in cui queste due aree si incontrano nelle giunture tra i pezzi/componenti del focolare. Un'altra indicazione della presenza di troppa aria è la presenza di una fiamma gialla anziché blu e la fuoriuscita di calore attraverso le fessure presenti nelle fusioni anziché all'interno del focolare.
  • È importante capire come funziona la stufa ed essere in grado di utilizzarla correttamente per evitare che si verifichino problemi o inconvenienti, soprattutto se l'unità non è stata prodotta di recente, poiché molti produttori ora producono modelli più efficienti che bruciano con meno fumo rispetto alle unità più vecchie.
  • Assicuratevi che non entri troppa aria nel sistema controllando se ci sono fiamme gialle anziché blu nei punti di giunzione tra due superfici e nelle aree intorno alle guarnizioni dei vetri delle porte; cercate anche segni di annerimento nei punti in cui si trovano le cerniere di questi pezzi/componenti del focolare. Questo può indicare che non c'è abbastanza ossigeno che fluisce attraverso i ceppi che bruciano all'interno dell'inserto per caminetto, il che significa che è necessario ripristinare il flusso d'aria corretto prima di riprovare in futuro.

Domande frequenti

Cosa devo fare se la mia stufa a legna inizia a fumare?

Se notate che il vostro caminetto emette fumo, provate innanzitutto ad aprire una o due finestre esterne. Questo può aiutare a ridurre la quantità di fumo all'interno. Poi, abbassate il calore del bruciatore in modo che mantenga solo una fiamma bassa invece di esplodere in fiamme. Controllate poi la qualità dell'aria in un'altra stanza e verificate quali cambiamenti si verificano quando si aprono altre finestre. Infine, chiamate uno dei nostri esperti per una consulenza! Ci piace parlare di queste cose tutto il giorno (ma saremo felici di fermarci dopo l'orario di lavoro).

Qual è il modo migliore per utilizzare la mia stufa a legna?

Assicuratevi sempre che la vostra legna da ardere sia stata essiccata, tagliata e spaccata prima di bruciarla. Il contenuto di umidità della legna appena tagliata può raggiungere il 45%. La legna con questa quantità di umidità produrrà più fumo della legna stagionata (essiccata) che contiene il 20%-25% di umidità. Inoltre, assicuratevi che nella camera di combustione venga aggiunto solo combustibile secco, perché i tronchi di segatura umidi o bagnati rilasciano grandi quantità di particelle di carbonio incombuste quando vengono bruciati a basse temperature (200 gradi Fahrenheit). I nostri esperti suggeriscono di iniziare lentamente! Bruciate il carbone per poche ore al giorno fino a quando non vi accorgerete di quanta potenza termica state effettivamente ottenendo da questi tronchi. È meglio essere pazienti che non ricevere alcun calore!

Cosa devo controllare se la canna fumaria è ostruita?

Innanzitutto, assicuratevi che la porta della stufa a legna sia chiusa e che i comandi dell'aria siano aperti. Poi, con una torcia elettrica, salite sulla canna fumaria o su una superficie elevata (ad esempio una scala) in modo da poter vedere all'interno attraverso l'apertura della camera di combustione situata vicino al punto in cui la legna viene caricata sulla griglia. Se non esce luce da questo spazio, è possibile che ci sia ancora un'ostruzione da qualche parte: potrebbe essere bloccata in basso dalla cenere o troppo in alto per essere raggiunta senza un'attrezzatura da arrampicata). Infine, provate ad aspirare tutti i detriti che possono essere rimasti bloccati all'interno della canna fumaria. Assicuratevi di acquistare un accessorio adatto alle dimensioni della canna fumaria!

Conclusione

Il fumo della stufa a legna è il primo indicatore che qualcosa è andato storto nel processo di combustione. Se il fuoco è ben pulito, il fumo visibile che esce dal camino dovrebbe essere minimo o nullo. La legna brucia in tre fasi: preriscaldamento, accensione e infine combustione. Quando queste tre fasi sono seguite da ceppi ben stagionati, non è raro che non esca quasi nulla dalla parte superiore della canna fumaria, a parte un leggero vapore che si sprigiona insieme ai gas residui.