Stufe a legna

Come usare una stufa a legna

La cosa più bella dell'inverno è che è il momento perfetto per riunirsi intorno a un caldo fuoco con amici e familiari. Se non avete un caminetto, o se la vostra casa non ne ha uno in soggiorno, potreste prendere in considerazione l'acquisto di una stufa a legna. Le stufe a legna stanno diventando sempre più popolari perché offrono tutto il calore di una fiamma aperta senza fumo o cenere come i fuochi tradizionali. Questo post vi mostrerà come iniziare a usare la vostra nuova stufa a legna!

Come usare una stufa a legna

Un inserto per stufa a legna è perfetto per quelle giornate gelide in cui non si riesce a riscaldarsi. È anche un ottimo modo per risparmiare sui costi di riscaldamento, poiché sono altamente efficienti e facili da usare per il portafoglio.

Queste stufe sono disponibili sia a libera installazione che a incasso, ma la cosa migliore è che sono così versatili! Sia che vengano utilizzate come pozzo di fuoco all'aperto o come caminetto all'interno, le stufe a legna vi serviranno per tutta la stagione, soprattutto nei mesi invernali.

Costruire un fuoco

Iniziate con una piccola quantità di carta o foglie secche e aggiungete lentamente pezzi più grandi man mano che il fuoco si sviluppa. Le dimensioni dei ceppi dipendono dalla quantità di calore necessaria. In generale, quando si accende un fuoco è meglio avere pochi pezzi grandi piuttosto che molti piccoli. Man mano che la stufa si riscalda, iniziate ad aggiungere gradualmente pezzi di legno più grandi fino a raggiungere il livello di calore desiderato.

Se si vuole ottenere un calore rapido senza dover aspettare che si formino le braci tra un ciocco e l'altro, si può usare anche del legname da ardere.

Se il fuoco sembra spegnersi, aggiungete un piccolo pezzo di legno per farlo ripartire. Se avete usato pezzi più grandi e poi tornate a quelli più piccoli, anche questo può aiutare a riaccendere una fiamma che si sta spegnendo.

Se l'aggiunta di legna non funziona, potrebbe essere necessario rimuovere la cenere dalla stufa prima di riavviarla. In questo caso è utile avere una cassetta per la cenere, perché rende la pulizia molto più semplice, in quanto la cenere rimane contenuta nella cassetta anziché spargersi per tutta la casa o la baita a ogni apertura della porta!

Un ulteriore vantaggio è che ci saranno sempre carboni caldi a disposizione per quando si deciderà di accendere un altro fuoco la prossima volta, invece di ceneri fredde che devono prima riscaldarsi.

Riscaldare la canna fumaria

Per evitare un incendio nel camino, la prima cosa da fare è assicurarsi che la canna fumaria sia aperta. A tale scopo, si può inserire della carta o della legna da ardere e darle fuoco. Prima di proseguire con le altre fasi di utilizzo di una stufa a legna, è necessario che questa bruci per almeno 15 minuti. Se possibile, lasciate un'apertura tra la porta e il caminetto in modo da poter accedere all'interno in caso di necessità.

A questo punto, assicuratevi che la serranda sia aperta. In questo modo il fumo potrà fuoriuscire mantenendo un buon tiraggio per la stufa a legna. Se non riuscite a raggiungerla facilmente (ad esempio, se la canna fumaria si trova in un punto scomodo), potete usare un attrezzo metallico lungo come un attizzatoio o una pinza e spingere o tirare la maniglia dall'interno del caminetto stesso.

Una volta che tutto il resto è stato adeguatamente preparato, accendete il fuoco! Dovrebbe bruciare in modo piacevole e caldo con poco sforzo: non troppo grande all'inizio, in modo da non rilasciare troppo calore in altre parti della casa, ma abbastanza rapidamente da non avere punti freddi in cui non è presente alcuna fiamma. Ancora una volta, però, si vuole evitare un incendio nel camino, quindi assicuratevi che vicino alla stufa a legna non ci sia materiale infiammabile come giornali o altri detriti.

Dopo aver fatto questo e dopo aver preso confidenza con il funzionamento del caminetto per la combustione della legna in generale, iniziate ad accatastare intorno ad esso pezzi di legna più grandi! Questo vi garantirà di avere a disposizione molto combustibile quando necessario, senza dovervi preoccupare di rimanere a corto di legna inaspettatamente. Se il calore generato dalla sola legna da ardere non è sufficiente, provate ad accendere due ceppi alla volta: questo vi aiuterà ad accelerare i tempi, garantendo comunque un buon calore quando tutto il resto sarà bruciato.

Accendere il fuoco

Il primo passo per utilizzare la stufa a legna è accendere il fuoco. Il modo migliore per farlo è quello di iniziare con un piccolo camino e poi di costruire su questo man mano che si procede, aggiungendo altri ceppi nel corso del tempo. In questo modo si eviteranno grossi problemi, come l'avvelenamento da monossido di carbonio, durante l'uso dell'accessorio camino.

Ecco alcuni consigli per l'accensione del fuoco:

Niente liquidi infiammabili

Non utilizzate liquidi infiammabili come la benzina per accendere il fuoco. Inoltre, non accendete un fiammifero e non tenetelo all'interno della stufa mentre cercate di accendere il fuoco, perché questo può portare all'avvelenamento da monossido di carbonio o addirittura a un'esplosione dovuta a un accumulo nel camino.

Se volete usare una stufa a legna, assicuratevi che tutte le bocchette siano aperte e che l'accessorio del caminetto sia acceso. Poi mettete un po' di carta di giornale e accendetela. È necessario fare attenzione e non distrarsi quando si accende il fuoco.

Iniziate con pezzi più piccoli, come rametti o bastoncini della grandezza di una matita, in modo da poter accendere il fuoco prima di passare a quelli più grandi per farlo partire più velocemente. Disponete la legna a forma di "X" sotto il punto da cui proverranno le fiamme quando accenderete il fuoco. Questo metodo è efficace perché consente all'ossigeno di raggiungere tutte le parti del fuoco, rendendo più facile l'accensione di una piccola fiamma senza problemi.

Una volta fatto questo passo, mettete un po' di carta di giornale sopra tutto il resto, ma assicuratevi di non soffocare quello che c'è sotto, perché deve esserci un flusso d'aria sufficiente per la combustione.

Come far funzionare una stufa a legna

  • Per accendere il fuoco, utilizzate un accendino. In questo modo i trucioli di legno e i piccoli ramoscelli prenderanno fuoco e, a loro volta, bruceranno molto più intensamente di qualsiasi altro tipo di fiamma che si possa creare con tronchi più grandi.
  • Mettete l'accendifuoco sotto i primi ceppi e rametti. Non preoccupatevi ancora di sistemarli, ma iniziate a farlo! Dovrebbero bastare uno o due minuti perché il fuoco iniziale si riscaldi a sufficienza prima di essere pronto ad aggiungere i ceppi più grandi.
  • Mettete i ceppi sopra le piccole fiamme che provengono dall'accendifuoco, in modo che inizino a bruciare anch'essi. All'inizio si sprigiona più fumo che fiamme, quindi non giudicate il successo guardando nella stufa durante queste prime fasi di accensione: tenete d'occhio la situazione attraverso una finestra, se possibile.
  • Ora che abbiamo una bella fiammata nella nostra stufa a legna, esaminiamo alcune informazioni di base sulla cura della stufa e sul mantenimento della funzionalità del fuoco.
  • Prima di andare a dormire, assicuratevi che tutte le ceneri vengano spazzate via dalla stufa prima di chiuderla per la notte. In questo modo si evita che le braci rimangano ancora fumanti all'interno e che, se si accumula troppa cenere, si possa innescare un pericoloso incendio nel camino.
  • Non è necessario svuotare completamente la stufa a legna o il caminetto dopo ogni utilizzo, ma è sempre consigliabile spazzare via la maggior parte dei residui quando si tratta di un apparecchio che funge da fonte di fiamma libera in casa.
  • Una volta che i carboni ardenti si sono formati sopra le ceneri più vecchie (dopo circa 12 ore), possiamo aggiungere altri ceppi senza temere che si brucino e cadano nel vassoio di scarico proprio sotto il punto in cui li stiamo posizionando.
  • Per mantenere la temperatura del fuoco, si possono aggiungere ceppi più piccoli sopra quelli più grandi, piuttosto che metterne uno nuovo direttamente su una fiamma già ardente o su un letto di carbone caldo. In questo modo si ridurrà la quantità complessiva di combustibile utilizzato per questo particolare fuoco, consentendogli di durare più a lungo fino a sera, quando abbiamo più bisogno di calore.

Se il calore non è la vostra preoccupazione immediata e volete continuare ad accendere il fuoco durante la notte per qualsiasi motivo (per rimanere vigili, intrattenere gli ospiti, ecc.), allora sentitevi liberi di accendere il maggior numero possibile di ceppi in una volta sola prima di andare a letto, sperando che si consumino tutti entro il mattino.

Come sempre, prima di chiudere la stufa per la notte, assicuratevi che la cenere venga spazzata via. In caso di accumulo di cenere eccessiva, la mancata esecuzione di questa operazione può provocare un incendio nel camino, poiché le braci sono ancora accese.

Prima di andare a dormire, assicuratevi che tutta la cenere venga spazzata via dalla stufa prima di chiuderla per la notte. In questo modo si evita che le braci rimangano ancora fumanti all'interno e che, se la cenere si accumula troppo a lungo, possano innescare un pericoloso incendio nel camino.

Non è necessario svuotare completamente il caminetto o la stufa a legna dopo ogni utilizzo, ma è sempre consigliabile spazzare via la maggior parte dei residui quando si tratta di un apparecchio come fonte di fiamma libera in casa.

Una volta che i carboni ardenti si sono formati sopra le ceneri più vecchie (dopo circa 12 ore), possiamo aggiungere altri ceppi senza temere che si brucino e cadano nel vassoio di scarico proprio sotto il punto in cui li stiamo posizionando.

Come mantenere attiva una stufa a legna

Le stufe a legna sono un modo fantastico per mantenere la casa calda durante l'inverno. Inoltre, se ben integrate nell'arredamento, costituiscono un bel punto di conversazione e illuminano un'intera stanza. Per utilizzarla correttamente, è necessario disporre di legna, legna da ardere, gel per accendere il fuoco o carta di giornale.

All'inizio non dovete farlo troppo grande o piccolo, perché in questo modo sprecherete combustibile e tempo e dovrete ricominciare da capo! Una volta avviato con il metodo più adatto a voi (noi preferiamo il liquido per accendini), assicuratevi che ci sia un buon flusso d'aria aprendo leggermente le porte delle stanze vicine o le finestre.

Le stufe a legna sono un modo fantastico per mantenere la casa calda durante l'inverno. Inoltre, se ben integrate nell'arredamento, costituiscono un bel punto di conversazione e illuminano un'intera stanza. Per usarne una correttamente, avrete bisogno di legna, legna da ardere, gel per accendere il fuoco o carta di giornale. All'inizio non dovete farlo troppo grande o piccolo, perché in questo modo sprecherete combustibile e tempo e dovrete ricominciare daccapo! Una volta acceso con il metodo più adatto a voi (noi preferiamo il liquido per accendini), assicuratevi che ci sia un buon flusso d'aria aprendo leggermente le porte delle stanze vicine o le finestre.

Usare la stufa in modo più efficiente

  • Assicuratevi di avere abbastanza legna per far bruciare bene la stufa. Questo perché, se non c'è una scorta abbondante di legna, il fuoco impiega molto tempo ed energia per svilupparsi. Se la scorta inizia a scarseggiare, provate ad aggiungere altra carta o acciarino sotto di essa in modo che prenda fuoco più velocemente del solito.
  • Se utilizzate la stufa in un'area spaziosa, cercate di avere l'apertura rivolta verso il vento, in modo che possa prendere più brezza. In questo modo, potrete ottenere una maggiore potenza di combustione da ogni ceppo e quindi risparmiare sulla legna.
  • Se state cercando di mantenere un piccolo fuoco accogliente nella vostra stanza, è meglio che l'apertura della stufa non sia rivolta verso il vento. In questo modo, quando l'aria passa e si riscalda, si crea una pressione all'interno che provoca fiamme più calde in cima a ciascun ceppo. In questo modo si crea un processo di combustione efficiente che spreca meno legna rispetto a grandi spazi aperti senza restrizioni.
  • Se non c'è troppo vento da una direzione o dall'altra, provate ad angolare la porta in modo che sia decentrata anziché diretta verso di essa. Il motivo per cui questo funziona meglio che lasciarla rivolta verso l'alto è che in questo modo tutto il calore viene soffiato fuori subito e non rimane all'interno, dove si vuole che si trovi la maggior parte del calore.
  • Tenete presente che non potete bruciare legna all'interno senza altri materiali, perché non è sicuro e provoca molto fumo, che è dannoso per la salute per diversi motivi. Se non siete sicuri di cos'altro aggiungere, provate a usare carta o cartone come acciarino sotto di voi, in modo da avere più combustibile disponibile a prima vista invece di dover aspettare che tutto prenda fuoco separatamente. Quando si vuole un modo efficiente di stare al caldo durante l'inverno, spesso ci si rivolge al camino e alla stufa!
  • Non aggiungete troppa carta o cartone sotto i ceppi in una sola volta, altrimenti rischiate di farli scivolare quando si scaldano. Questo può danneggiare il pavimento e costringervi a ripulire tutto se è di legno, quindi assicuratevi sempre che ci sia abbastanza spazio tra un pezzo e l'altro per la circolazione dell'aria.
  • Se possibile, cercate di utilizzare del vero combustibile al posto della carta di giornale, perché questo tipo di materiale è specificamente progettato per prendere fuoco facilmente senza emettere molto fumo come fanno gli altri, il che non va bene per le persone che vogliono solo un modo efficiente per stare al caldo durante l'inverno. Quando si scelgono i materiali da utilizzare per la preparazione del fuoco con questa stufa, è necessario prestare attenzione a quanto spazio c'è tra un pezzo e l'altro per evitare che scivolino quando è caldo.

Non aggiungete troppi pezzi di carta o cartone in una volta sola, perché potrebbero spostarsi tutti, danneggiando il pavimento se la zona è boscosa. Quando le persone vogliono un modo semplice per stare al caldo durante l'inverno, spesso si rivolgono al camino e alla stufa!

Ottenere il massimo calore dalla stufa a legna

Ecco alcuni consigli per ottenere il massimo dalla vostra stufa a legna in questa stagione:

  • Se siete alle prime armi con una stufa a legna, iniziate in piccolo. Potreste voler acquistare la legna più grande che la vostra casa possa contenere, ma dove sta il divertimento? Iniziate a costruire fuochi più piccoli e aumentateli lentamente nel tempo, finché non avrete accumulato una scorta sufficiente per accendere grandi fuochi nelle notti fredde senza dovervi avventurare fuori a cercare altre scorte.
  • Prima di accendere il primo fuoco, assicuratevi di avere una scorta adeguata di legna. Accatastatela abbastanza vicino in modo che sia facile accedervi in caso di necessità – ricordate che spesso queste cose si surriscaldano! Ma non accatastatela nemmeno vicino a qualcosa di infiammabile, perché le scintille voleranno ovunque (anche su altri pezzi di legno).
  • Sebbene alcune stufe a legna siano progettate per essere "ermetiche" (cioè non lasciano entrare aria dall'esterno), non tutte funzionano così. Se ne avete una che non lo è, è importante che lo sportello non sia troppo chiuso, altrimenti il fumo si accumulerà all'interno e causerà problemi di visibilità, oltre a costituire un rischio di incendio. Assicuratevi di aprire la stufa quel tanto che basta per garantire la ventilazione per l'ossigeno, ma con un isolamento sufficiente per evitare che la cenere voli dappertutto mentre vi divertite a sedervi accanto ad essa nelle fredde notti invernali!

Come spegnere una stufa a legna

  • Chiudete la presa d'aria sul fondo della stufa. In questo modo si interrompe il flusso di ossigeno e combustibile verso il fuoco.
  • Aprite lentamente tutti gli altri sfiati finché non sentite un rumore di schiocco all'interno del tubo del camino, che indica che c'è spazio sufficiente per far salire il fumo attraverso di esso.
  • Lasciateli aperti, ma tenete gli occhi aperti perché il vento potrebbe far entrare in casa gas più pericolosi del necessario soffiando attraverso l'apertura e aspirando nuovamente aria fresca. Se ciò accade, richiudete tutto immediatamente prima di riprovare più tardi, quando le condizioni esterne sono più sicure.
  • Una volta spento il fuoco, utilizzate un attizzatoio di metallo per raschiare tutto ciò che è rimasto all'interno della stufa.

Domande frequenti

Perché devo usare un attizzatoio di metallo?

Un utensile di metallo è necessario perché resiste al calore elevato della stufa e non ne danneggia la finitura. In questo modo potrete raschiare i pezzi più ostinati senza danneggiare o graffiare ciò che è ancora caldo all'interno.

Ogni quanto tempo va pulita la mia stufa a legna?

È importante ricordare che le stufe a legna sono diverse dagli altri caminetti, che bruciano l'aria dell'ambiente invece di preriscaldarla. Per questo motivo, devono rimanere pulite e libere da ostruzioni per poter rilasciare la giusta quantità di calore nella casa o nell'edificio. Se non li tenete aperti e puliti, non ci sarà abbastanza ossigeno a disposizione e vi ritroverete con un pasticcio fumoso, oltre a non essere in grado di sentire alcun calore proveniente dalla stufa!

Come faccio a far spazzare il mio camino?

È possibile chiamare un esperto come Chimneysweepnyc che invierà qualcuno specificamente addestrato su ciò che deve essere pulito dopo l'utilizzo di una stufa per essere pulito?

Quali sono i migliori ceppi da bruciare in una stufa a legna?

Il tipo di legna che si usa è importante perché alberi diversi hanno quantità diverse di calore ed energia quando vengono bruciati. Alcuni legni, come il pino o l'abete, rilasciano più sottoprodotti di altri, quindi è meglio trovare quelli che producono meno fumo pur essendo in grado di fornire un calore sufficiente per le vostre esigenze.

Ci sono problemi di sicurezza da tenere presenti quando si acquista una nuova stufa?

Innanzitutto, assicuratevi che la stufa sia dotata di una griglia per le ceneri o per le braci all'interno del focolare. Ciò contribuirà a mantenere la casa sicura, consentendo alle particelle bruciate di cadere in qualcosa che si può facilmente pulire, invece di rimanere sopra i carboni ardenti e potenzialmente bruciare di nuovo se non sono ancora completamente morti. In secondo luogo, assicuratevi che tutte le parti siano etichettate come di alta qualità, in modo che non si rompano con il tempo, causando più problemi del necessario a causa della loro struttura fragile.

Quali sono le precauzioni di sicurezza da prendere quando si usa la stufa a legna?

Assicuratevi che il camino sia libero prima di accenderlo e tenetelo sempre sotto controllo mentre il fuoco brucia, per evitare che la sua struttura si deteriori nel tempo. Inoltre, non collocate nulla di infiammabile vicino ad esso, compresi mobili, tende o altri oggetti di stoffa, perché potrebbero facilmente danneggiarsi se coinvolti in una fiammata inaspettata grazie alla loro natura altamente combustibile. Una volta terminata la giornata, ricordate di spegnere accuratamente tutto ciò che si trova all'interno, come fareste con un normale fuoco, prima di abbandonarlo!

Perché è importante la pulizia regolare del camino?

Se non si effettua la manutenzione della canna fumaria, l'accumulo di creosoto e di altri residui può causare problemi come la riduzione del flusso d'aria, scarse prestazioni di riscaldamento o addirittura un potenziale incendio se la situazione sfugge al controllo. Per evitare questi problemi, assicuratevi di programmare le pulizie di routine da parte di Chimneysweepnyc, che vi aiuteranno a far funzionare tutto senza intoppi, sia che abbiate un camino da esterno o una stufa a legna.

Con quale frequenza devo controllare il mio camino durante i mesi invernali?

Se gli apparecchi a gas naturale non hanno modo di sfiatare correttamente all'esterno, non sono affatto sicuri perché il monossido di carbonio potrebbe invece accumularsi all'interno.

Come faccio a sapere quando è il momento giusto per far pulire il mio camino?

Se ci sono segni evidenti di danni o ostruzioni, è necessario l'intervento di un professionista il prima possibile, ma se tutto sembra a posto dall'esterno prima dell'inizio dell'inverno, si può aspettare fino a questo periodo dell'anno prossimo, per evitare che si verifichino imprevisti.

Come faccio a sapere se il mio camino è danneggiato?

Se avete un camino in metallo, è più probabile che sia compromesso dalla ruggine o dalla corrosione, ma anche i mattoni e la pietra sono a rischio a causa degli effetti degli agenti atmosferici che potrebbero causare crepe nel tempo. Se qualche parte sembra sul punto di crollare presto, chiamate subito i soccorsi!

Quali sono i segni che il mio caminetto ha bisogno di essere pulito?

La pulizia della stufa a legna deve essere effettuata tenendo conto di questi suggerimenti: -Una canna fumaria sporca può non far uscire il calore all'interno dell'abitazione come previsto, il che significa meno calore per tutti gli abitanti. Anche la qualità dell'aria interna può risentire di una canna fumaria non pulita, poiché le particelle di fumo si uniscono a tutte le altre tossine durante il processo di combustione. È consigliabile utilizzare questi consigli anche per la canna fumaria: Pulire il camino una volta all'anno per assicurarsi che l'accumulo di creosoto non diventi un problema troppo grave prima che abbia il tempo di causare problemi come crepe o danni strutturali nel tempo. In conclusione, è bene evitare di avere problemi con la canna fumaria, poiché possono essere molto pericolosi se non controllati, ma una manutenzione accurata fa la differenza quando si tratta di mantenere tutto in buone condizioni di funzionamento durante i mesi invernali e oltre!