Stufe a legna

Come riscaldare la canna fumaria di una stufa a legna?

Le stufe a legna sono un modo semplice per ottenere una sensazione di calore e accoglienza in casa. Ma sapevate che esiste più di un modo per riscaldare la vostra stufa? Non solo si possono usare i pellet di legno, ma è anche possibile bruciare carbone o addirittura gas naturale. Ecco alcuni consigli su come rimanere al caldo in questa stagione invernale!

La stufa è stata per secoli un elemento fondamentale di ogni casa. Un tempo ci si affidava al camino per riscaldarsi in inverno e per cucinare il cibo durante il giorno. Oggi la maggior parte delle case dispone di stufe elettriche o a gas che non richiedono la combustione di legna. Tuttavia, c'è ancora una piccola percentuale di case che si affida alle stufe a legna come fonte di riscaldamento alternativa. Questi tipi di stufe si trovano spesso nelle baite e nei campeggi, dove forniscono calore e possibilità di cucinare a chi vive fuori dalla rete. È importante sapere come far funzionare queste stufe per evitare di mettere a rischio la propria sicurezza o di innescare un incendio!

Se volete maggiori informazioni su come utilizzare correttamente questo tipo di stufa, date un'occhiata a questo post del blog. Qui spiegheremo come far funzionare la stufa nel modo più efficiente possibile e quali tipi di combustibile possono essere utilizzati!

Innanzitutto, è importante che la stufa a legna sia installata correttamente, in modo da non avere problemi quando la si utilizza per il suo scopo principale: riscaldare una stanza. Molti proprietari di casa scelgono di affidarsi a professionisti che conoscono queste stufe perché possono fornire una stima accurata del fatto che la casa abbia o meno un isolamento adeguato e che il progetto abbia senso in termini di mantenimento del calore all'interno anziché lasciarlo fuoriuscire dalle finestre.

Se siete abbastanza sicuri delle vostre capacità (o avete qualcuno di più esperto che lo fa), allora procedete all'installazione da soli; assicuratevi che tutte le prese d'aria e i camini siano puliti e funzionino correttamente prima di iniziare. Se non siete esperti, accendete la stufa solo quando c'è qualcuno che tiene tutto sotto controllo; se si accende un incendio e nessuno lo vede, c'è la possibilità che la vostra casa venga danneggiata o peggio ancora bruciata!

Stare al caldo durante l'inverno può essere una sfida per alcune persone, ma con le giuste fonti di riscaldamento come le stufe a legna, diremmo che non avrete mai più i piedi freddi. Ci sono molti tipi di combustibile che possono alimentare questi apparecchi, quindi assicuratevi di fare ulteriori ricerche su di essi per scoprire quali funzionano meglio per la vostra situazione particolare!

In questo modo si garantisce la sicurezza durante l'utilizzo di questi apparecchi in casa.

Come riscaldare la canna fumaria di una stufa a legna

Riscaldare la canna fumaria di una stufa a legna è importante perché aiuta a mantenere pulito il camino. Se non lo si fa, il creosoto può accumularsi e questo non è un bene per nessuno e per tutto ciò che si trova in casa. Potrebbe prendere fuoco e causare molti danni alla vostra casa, quindi non preoccupatevi! Ecco alcuni modi per riscaldare la canna fumaria:

  • Aprire tutte le finestre mentre si usa la stufa
  • Lasciare passare l'aria durante il funzionamento aiuta a prevenire la formazione di creosoto all'interno! È necessario farlo anche quando si avvia qualsiasi altro tipo di apparecchio di riscaldamento!
  • Se avete una stufa che non utilizza elettricità, la cosa migliore è aprire le finestre o le porte.
  • Questo piccolo passo è molto utile perché permette all'aria calda di circolare in casa! Inoltre, impedisce la formazione di creosoto sulla canna fumaria.
  • Quando si accende un qualsiasi apparecchio di riscaldamento, si dovrebbe fare anche questo! Pensate a quanti incendi sono causati da un camino surriscaldato: se seguite questi semplici passaggi, non ce ne sono affatto!

Aprire la porta della stufa

Dovete sempre aprire lo sportello della stufa il prima possibile. Chiudendolo, il calore si disperde e il fuoco potrebbe spegnersi prima ancora di poterlo usare. Inoltre, bisogna assicurarsi che nella stufa ci sia una quantità adeguata di ossigeno per il fuoco.

L'ossigeno contribuirà a mantenere le fiamme sufficientemente alte in modo che siano abbastanza forti da raggiungere la canna fumaria e riscaldarla. Se non c'è una ventilazione adeguata, l'apertura dello sportello può anche provocare la fuoriuscita di altro fumo, causando una situazione di pericolo all'interno o all'esterno della casa.

Non chiudete mai completamente lo sportello su un fornello caldo, perché questo può danneggiare sia voi che l'apparecchio se fatto troppo spesso o con una certa forza!

  • Aprire lo sportello della stufa il prima possibile
  • Assicurarsi che nella stufa ci sia una quantità di ossigeno sufficiente per il fuoco.
  • Non chiudere mai completamente lo sportello di una stufa calda troppo spesso o con forza.

Utilizzare una fonte di calore

Per riscaldare la canna fumaria di una stufa a legna si può utilizzare una fonte di calore. Il modo più semplice è posizionarla sopra la piastra su cui si è acceso il fuoco e farla passare attraverso il tubo o la canna fumaria finché le fiamme non iniziano a uscire da qualche altra parte della stanza.

Un'altra soluzione potrebbe essere l'utilizzo di una stufa a cherosene a fiamma libera (da tenere ad almeno 30 cm di distanza da qualsiasi cosa infiammabile). Anche se ci sono altri modi per riscaldarsi, ricordate di non farlo all'interno della vostra casa!

Consigli per la sicurezza

  • Tenere sempre chiusa la canna fumaria quando si accende o si accende la stufa a legna.
  • Tenete a portata di mano un estintore in caso di incidente con braci e scintille che escono dal camino.
  • Non lasciate mai un fuoco incustodito.
  • Tenere i bambini e gli animali domestici lontani dalla stufa quando è in funzione.
  • Assicurarsi che tutti i rilevatori di fumo funzionino correttamente prima di utilizzare il caminetto o la stufa a legna.

Domande frequenti

Come si regola la serranda della canna fumaria di una stufa a legna?

Si può usare la mano per sentire quale posizione è aperta e quale chiusa. Se tutte le serrande sono aperte, l'aria può passare liberamente attraverso di esse. In questo caso, si dovrebbe vedere del fumo da entrambi i lati della serranda quando questa è aperta a metà o più. Una volta trovata l'impostazione giusta, è sufficiente chiudere o bloccare parzialmente un lato in modo che esca solo una piccola quantità di fumo alla volta, mantenendo completamente aperti gli altri lati.

Come si usa una canna fumaria per riscaldare la casa?

Il fuoco riscalda il tubo della stufa, che poi irradia calore nell'abitazione per convezione. Affinché questo processo sia il più efficiente possibile, è necessario installare una canna fumaria metallica flessibile isolata dall'apparecchio fino all'esterno della casa. In questo modo si garantisce che l'aria venga attirata verso il combustibile che brucia, invece di essere spinta da esso, assicurando che tutta la legna bruci completamente prima di salire e uscire dal camino o dallo sfiatatoio di casa.

Quando devo aprire e chiudere le valvole della serranda del mio caminetto?

Come già detto, un'apertura tra due serrande consente ai gas di fumo di fluire durante il normale funzionamento; tuttavia, quando c'è un fuoco acceso nella stufa, dovrebbe essere aperta solo a metà o meno. Se si deve tenere sempre aperta la serranda durante l'uso, si rischia una cattiva circolazione dell'aria e un possibile ritorno dei fumi attraverso il camino, il che è estremamente pericoloso per ovvie ragioni!

Ho bisogno di una canna fumaria?

In linea di massima no; tuttavia, se si utilizza un apparecchio che brucia legna, carbone o altri combustibili solidi, senza di esso è probabile che il fumo esca in casa durante l'utilizzo. A sua volta, questo causerà un numero di correnti d'aria inferiore al necessario, incidendo sui livelli di efficienza complessiva e rovinando le correnti d'aria già presenti in casa. Il loro utilizzo non solo migliora la sicurezza, ma può anche aumentare l'efficienza fino al 30%.

Come si effettua la manutenzione della canna fumaria?

Il modo migliore per farlo è una pulizia annuale da parte di un servizio di spazzacamino professionale che può eliminare ogni tipo di accumulo e ostruzione potenzialmente pericolosa che potrebbe essersi bloccata nel corso del tempo: non solo migliorerà le prestazioni complessive, ma vi aiuterà a evitare qualsiasi problema importante con l'apparecchio o, peggio ancora, con l'intera casa! Dovrebbero essere in grado di dirvi che tipo di prodotti sono sicuri per l'uso nei diversi elettrodomestici e di eliminare tutto ciò che potrebbe causare un problema in futuro, come il creosoto che si accumula quando la legna non viene bruciata completamente. Prima di firmare, però, assicuratevi che siano registrati, per essere certi di ottenere il miglior servizio possibile per la vostra casa o la vostra azienda.

È necessario utilizzare un palloncino per camino?

Dipende dalla posizione esatta in cui viene collocata; tuttavia, se la canna fumaria è in metallo, aiuta a isolarla e a mantenere il calore all'interno, rendendola ideale nei mesi più freddi, quando si desidera mantenere il più possibile il calore all'interno. Inoltre, possono anche evitare che la pioggia penetri nel sistema di scarico, che nel tempo potrebbe danneggiarlo a causa della corrosione provocata dall'acqua salata, dalle acque di scarico acide, ecc. Attenzione però a non ostruire le aree di ventilazione con questi palloncini, perché il flusso d'aria è importante! A volte è più opportuno utilizzare più palloni piccoli piuttosto che uno grande.

Conclusione

Non è sufficiente avvicinare la stufa a legna alla porta. La canna fumaria deve essere aperta con una serranda che faccia uscire tutta l'aria calda in casa. Assicuratevi di aver pulito anche questa zona prima di utilizzarla!