Stufe a legna

Come controllare una stufa a più combustibili?

Una stufa multicombustibile è un tipo di stufa a gas che può essere utilizzata per cucinare con gas naturale, gas di petrolio liquido o combustibili solidi. A volte vengono anche chiamate "stufe a legna". Un forno a legna tradizionale utilizza la legna da ardere, ma non è l'unica cosa che si può usare. Altre opzioni sono le bricchette di carbone e persino i ceppi di cera.

Dovrete imparare a controllare la fiamma della vostra stufa a più combustibili in modo da non bruciare nulla! È consigliabile farlo gradualmente, in modo da prendere confidenza con l'uso. Assicuratevi di non alzare troppo la fiamma mentre imparate come funziona, perché potrebbe verificarsi un incendio accidentale se qualcosa prende fuoco davanti ad esso.

Come controllare una stufa a più combustibili?

Una stufa a più combustibili è un modello classico. Può bruciare legna, carbone o combustibile senza fumo per fornire calore alla vostra casa. Ecco i diversi modi in cui è possibile controllare questi tipi di stufe.

Esistono diversi modi per controllare una stufa a più combustibili, ma i principali sono l'utilizzo di un sistema automatico o manuale. Tutto dipende dalle vostre preferenze personali e da ciò con cui vi sentite più a vostro agio. Non c'è una risposta sbagliata in entrambi i casi!

Sistema automatico

Il sistema automatico è molto facile da usare, in quanto dispone di timer che consentono di ottenere il massimo comfort nel riscaldamento della casa. Ad esempio, se avete difficoltà ad alzarvi dal letto nelle mattine fredde, questo sistema potrebbe essere perfetto per voi, perché può spegnersi automaticamente dopo essere stato lasciato acceso durante la notte, senza far suonare i campanelli d'allarme quando la casa è gelida. Inoltre, se durante i mesi invernali ci sono determinati orari in cui le persone sono in casa, il sistema può essere programmato per riscaldare in quegli orari, risparmiando così sui costi di riscaldamento.

Sistema manuale

Il sistema manuale è ideale se si desidera avere il pieno controllo su ciò che accade in casa e quando accade, ad esempio se le persone sono al lavoro per tutta la settimana si potrebbe voler utilizzare il carbone, che emette più calore rispetto alla legna o al combustibile senza fumo. Inoltre, si ha il controllo totale della quantità di calore erogata, quindi non ci si deve preoccupare che qualcosa sia troppo caldo o freddo! L'unico inconveniente del sistema manuale è che non si riesce a ottenere il massimo calore in tutta la casa senza utilizzare altri metodi, come le valvole dei termosifoni, il che significa sprecare energia perché l'aria calda non si diffonde equamente nelle stanze.

Esistono diversi tipi di stufe a più combustibili, ad esempio lo stile tradizionale che ha una griglia sul fondo dove si mette il carbone o la legna. Ci sono poi le stufe a pellet, che non necessitano di essere alimentate manualmente con i ceppi di legna, ma possono essere alimentate con pellet in piccole camere e poi bruciate come in un normale bruciatore. Il vantaggio più grande di questi due tipi di stufe è che i residui di cenere che fuoriescono dopo l'uso sono molto ridotti, per cui non è necessario pulirle!

Il controllo della stufa semplifica la vita, sia che si utilizzi un sistema manuale o automatico, qualunque sia la scelta può fare la differenza quando si riscalda la casa durante i mesi invernali!

  • La prima cosa da fare è assicurarsi che la leva di aspirazione dell'aria della stufa sia completamente alzata. In questo modo si garantisce un flusso di ossigeno sufficiente per ottenere una buona combustione.
  • Se sembra che il fuoco non stia bruciando bene, provate a regolare o rimuovere gli schermi davanti ai fori del bruciatore principale, sollevandoli e spostandoli altrove. Se sono in metallo, fate attenzione a non far scaldare troppo le altre parti del gruppo mentre lavorate con loro: dovrebbero rimanere fredde anche quando si tiene un solo schermo alla volta sopra una fiamma aperta.
  • Se questo non basta a risolvere il problema, cercate all'interno di ciascun tubo eventuali ostruzioni che potrebbero far risalire il gas combustibile. Se si nota qualcosa, utilizzare un oggetto lungo e sottile, come un punteruolo da ghiaccio, per spingerlo indietro attraverso il tubo del bruciatore da cui proviene, in modo che il gas possa tornare a scorrere liberamente.
  • Per spegnere la stufa una volta accesa e ben funzionante, è sufficiente abbassare completamente la leva di aspirazione dell'aria sulla parte superiore della scatola di controllo, per spegnere rapidamente il tutto eliminando tutto ciò che sta ancora bruciando all'interno di ciascun canale per il gas combustibile.

Alcune delle domande più frequenti che ci vengono poste riguardano il controllo dei fornelli e il tipo di bruciatore più adatto a determinati metodi di cottura. Cominciamo con alcune nozioni di base: Bruciatore multi-combustibile – Per tutti gli usi, può fare tutto ma non eccelle in nulla in particolare. Ideale per il campeggio o per l'uso all'aperto, quando non si ha molto spazio a disposizione per fornelli specializzati.

Può far bollire l'acqua in modo rapido ed efficiente, proprio come i bruciatori a gas del piano cottura di casa! È l'ideale quando si vuole avere un fuoco acceso tutto il giorno con una minore necessità di supervisione di tanto in tanto, poiché richiede pochissime attenzioni, a differenza di un fuoco a legna aperto che richiede molta supervisione e controllo della temperatura.

Il bruciatore Multi Fuel può essere utilizzato anche con il gas di petrolio liquido (GPL) o l'alcol, il che lo rende molto versatile nelle giuste condizioni! Se volete cucinare in modo caldo e veloce, ma non per lunghi periodi di tempo, questo è l'ideale, poiché i fornelli multi-combustibile sono più adatti a brevi esplosioni di calore intenso piuttosto che a una lenta e delicata cottura a fuoco lento come i tradizionali piani di cottura in ghisa su un fuoco aperto. Potreste chiedervi: "E i combustibili solidi? Ebbene, questi richiedono una sorta di sistema di gestione della fiamma, come il nostro sistema di stufe a combustibile solido che consente di immettere pellet di legno nella parte superiore attraverso due serbatoi regolabili, assicurando una combustione perfetta ogni volta, senza sprechi o confusione!

Dopo aver acceso il fuoco

Alcune stufe sono facili da accendere, mentre altre possono richiedere più tempo.

Prima di accendere la stufa per la prima volta, leggere il manuale d'uso. Questo vi darà alcuni consigli utili su come usarla al meglio e sulla legna adatta. In caso di dubbio, quando si prova a fare qualcosa di nuovo con l'apparecchio, bisogna sempre essere prudenti: la sicurezza deve essere sempre al primo posto. Non riempite eccessivamente o cercate di forzare i ceppi in un focolare sottodimensionato; ciò può causare danni che potrebbero compromettere le prestazioni a lungo termine e influire sulla copertura della garanzia. Utilizzate pezzi più piccoli che si accenderanno più rapidamente di quelli più grandi; anche spaccarli prima può farli bruciare meglio (la legna spaccata brucia più velocemente). Lasciate circolare l'aria intorno a ogni pezzo, quindi non impacchettate il focolare.

Le stufe più recenti sono dotate di uno sportello in vetro che consente di controllare meglio la fiamma e di vedere cosa succede all'interno (e anche di vedere quanta legna è bruciata). Se la vostra non ce l'ha, sollevate regolarmente il coperchio della stufa mentre sta bruciando; questo aiuterà a liberare il calore dai gas incombusti che potrebbero accumularsi all'interno. L'obiettivo dovrebbe essere quello di ottenere circa un'ora per chilogrammo, ma in caso di dubbi è bene consultare le istruzioni del produttore. Non ci sono regole fisse: alcune persone amano i loro fuochi ardenti, mentre altre li preferiscono delicati e a fuoco lento. Se il vostro apparecchio è dotato di un termostato, usatelo regolando la sua posizione di conseguenza: più la manopola è girata verso "caldo", più calore produrrà la vostra stufa.

Non appoggiate i ceppi contro una parete, perché potrebbero surriscaldarsi e causare danni da incendio. Se avete dubbi sul funzionamento del vostro apparecchio o se ha davvero bisogno di manutenzione, chiedete l'aiuto di un esperto che sappia cosa sta facendo, invece di rischiare di danneggiarlo da soli tentando soluzioni fai-da-te che a lungo andare potrebbero peggiorare la situazione. Non tentate mai di riparare le parti elettriche, che richiedono strumenti e conoscenze specialistiche in caso di guasto: rivolgetevi immediatamente a un centro di assistenza autorizzato (anche in questo caso, verificate le istruzioni del produttore). Fate molta attenzione quando fate rifornimento: lasciate sempre che il fuoco si spenga completamente prima di aggiungere altri ceppi e non rifornite mai una stufa calda.

La maggior parte delle stufe è dotata di una presa d'aria in cima alla canna fumaria, molto importante per una combustione efficiente: permette al gas proveniente dal combustibile di mescolarsi con l'ossigeno presente nell'ambiente per consentire la combustione. Deve essere tenuto aperto ogni volta che si accende o si riaccende l'apparecchio (e anche quando non lo si usa attivamente), a meno che non sia specificato diversamente dalle istruzioni del produttore. Se questo sfiato si ostruisce a causa di un uso improprio o di un incidente, il calore può accumularsi all'interno fino a quando qualcosa cede: senza un'adeguata ventilazione, i gas non bruciano correttamente e potrebbe esserci del fumo visibile che fuoriesce da qualche parte intorno al punto di uscita della canna fumaria. Ciò provoca spesso l'annerimento di pareti e soffitti; come minimo si tratta di uno spreco di combustibile e di un rischio elevato per la sicurezza.

Assicuratevi che tutti i materiali delle canne fumarie siano compatibili tra loro: alcune parti sono fatte di diversi tipi di metallo o addirittura di plastica, quindi non si combinano bene se vengono unite senza averne prima verificato l'idoneità da parte di qualcuno che sa cosa sta facendo. Alcune stufe sono dotate di canne fumarie integrate che possono richiedere solo un posizionamento (fissaggio) di base prima dell'uso, mentre altre richiedono un'installazione separata: anche in questo caso, chiedete consiglio a un esperto su come farlo in base alle specifiche del produttore. Se non riuscite a trovare alcun dettaglio, contattate l'ufficio urbanistica del comune, poiché nella maggior parte dei casi i lavori con il gas richiedono un'autorizzazione da parte loro.

Bruciate solo legna stagionata: significa che è stata lasciata all'aperto ad asciugare per un minimo di sei mesi, quindi non contiene umidità dovuta al taglio fresco, che potrebbe causare fumo e formazione di creosoto se bruciata in casa. Anche quando si usano legni duri come il frassino o la quercia, la corteccia deve essere rimossa prima di spaccare i tronchi, perché altrimenti c'è il rischio che si surriscaldino a causa delle sacche d'aria intrappolate all'interno (che possono anche causare braci fumanti in cima). Il legno verde brucia con un'emissione di calore inferiore e potenzialmente provoca anche più fumo: verificate la quantità di fiamma prodotta dal vostro apparecchio confrontandola con quella dei bastoncini correttamente essiccati e vi farete subito un'idea.

Alcuni tipi di stufe multi-combustibile non sono adatti a bruciare determinati tipi di legna, quindi controllate le istruzioni del produttore prima di utilizzare tipi di combustibile diversi da quelli raccomandati. Non dimenticate di pulire regolarmente l'apparecchio: prima utilizzate un aspirapolvere o una spazzola, poi passate un panno asciutto. In questo modo si evita che la polvere venga aspirata nella canna fumaria che, se lasciata troppo a lungo, potrebbe causare ostruzioni e persino incendi. Assicuratevi che ci sia spazio sufficiente intorno alla canna fumaria quando è in funzione, in modo che l'aria calda possa fuoriuscire facilmente senza che si formino sacche in cui i gas potrebbero rimanere intrappolati.

Non appoggiate i tronchi contro una parete, perché questo può portare a un surriscaldamento e potenzialmente a danni da incendio: deve esserci molto spazio intorno, in modo che l'aria possa circolare liberamente. In caso di dubbi sul funzionamento dell'apparecchio o sul suo corretto funzionamento, contattare il servizio clienti del produttore per una consulenza.

Quando si utilizza una stufa a più combustibili, leggere e seguire sempre le istruzioni del produttore: esse indicano come garantire un funzionamento sicuro in ogni momento. Non tentate di ripararla da soli o di montarne i pezzi senza una guida, a causa del rischio che si corre se qualcosa va storto – non lasciatevi tentare da prezzi più bassi altrove, ma rivolgetevi direttamente a loro. Potrebbe volerci più tempo, ma questo metodo è anche più sicuro, quindi scegliete sempre con attenzione da chi acquistare online, soprattutto se si tratta di un acquisto costoso come questo, che avrà un impatto diretto sull'ambiente domestico.

Il resto di un caminetto

Se si cerca di controllare il tipo di fuoco che si sta sviluppando, ci sono alcuni metodi che possono essere utilizzati. Se si desidera bruciare carbone o ceppi, ad esempio, è possibile utilizzare un cassetto per la cenere, rimuovendolo frequentemente e spostando le ceneri calde in modo da non far fuoriuscire troppo calore dal camino. In alcuni casi, se la stufa brucia legna, piccole quantità di fumo possono fuoriuscire dalle fessure del camino o dalle fessure tra i mattoni.

Questo può causare danni alle superfici delle pareti, ma potrebbe essere facilmente riparato con alcuni kit di riparazione per intonaci e sigillanti disponibili presso negozi di miglioramento domestico come B&Q e altri tipi di prodotti che dovrebbero produrre una soluzione rapida.

Se ci sono crepe nella muratura, dovrete farle riparare da un professionista prima di utilizzarla di nuovo! Potrebbe anche essere necessario ridipingere o rivestire di nuovo tutti gli altri mattoni che potrebbero essere leggermente sbiaditi, ma questo non è comune a meno che non si trascuri la manutenzione per diversi decenni. Se la ciminiera ha sviluppato alcune scheggiature e protuberanze, queste potrebbero peggiorare rapidamente se non vengono trattate in modo adeguato.

Possono facilmente portare a danni strutturali più gravi che richiedono un intervento di muratura per ripristinare la cavità muraria dietro la muratura. Questo è il motivo per cui molte persone scelgono i nostri servizi, in quanto offriamo il ripristino degli incendi insieme al supporto per la muratura a prezzi altamente competitivi. Se siete preoccupati per la muratura, possiamo fornirvi un rapporto completo sulle condizioni e, di solito, possiamo raccomandare all'assicurazione dei proprietari di casa le riparazioni da effettuare.

Il camino è uno degli elementi più iconici delle nostre case, essendo parte integrante della cultura nel corso della storia. La maggior parte di noi si è seduta intorno al focolare con la famiglia o con gli amici, raccontando di come ci si riscaldava seduti vicino al fuoco, ma oggi sono disponibili molte più opzioni. Siamo in grado di scegliere tra stufe multicombustibile che bruciano ceppi, carbone, gas e combustibili senza fumo e inserti per stufe a legna che si inseriscono nei caminetti esistenti proprio come le stufe a legna, offrendo tutti i vantaggi del riscaldamento!

Sostituiscono efficacemente i caminetti aperti perché non emettono fumi direttamente nel camino e sono molto più efficienti in termini di produzione di calore. Di solito sono dotate di porte in vetro che consentono di vedere il fuoco che arde luminoso, dando un vero senso di comfort e calore. È possibile controllare la stufa a partire dalla temperatura ambiente, quindi se fa troppo freddo possiamo facilmente alzare il riscaldamento!

Protezione dell'ambiente ed efficienza energetica

La stufa è ai vertici della protezione ambientale e dell'efficienza energetica. Non solo fornisce una straordinaria fonte di energia, ma contribuisce anche a salvare l'ambiente dalle emissioni di CO. Questo tipo di stufa a legna fornisce il massimo livello di calore utilizzando combustibili di bassa qualità come paglia, torba o qualsiasi altro combustibile a biomassa. Offre una combustione pulita che produce meno fumo rispetto alle stufe a legna tradizionali che funzionano a legna. L'uso più efficiente di questo tipo di stufa riduce l'impronta di gas serra fino al 50%.

È così facile da usare che si può accendere con un fiammifero o un accendino e mantenere il fuoco utilizzando il sistema di controllo dell'aria. Alcune di queste stufe sono dotate di una camera di combustione regolabile in altezza, che consente di impostare l'altezza di combustione della legna. È molto importante perché aiuta a risparmiare combustibile e a pulire i residui dei fuochi precedenti prima di accenderne di nuovi. Si può anche optare per una stufa multicombustibile che funziona con diversi tipi di combustibili: carbone, biomassa, pellet, ecc.; ma questo tipo di stufa può costare leggermente di più di una stufa a doppia faccia che funziona solo con l'opzione del combustibile bio-massa.

Suggerimenti per la sicurezza

  • Non lasciare la stufa incustodita durante l'uso.
  • Prestare attenzione al calore in eccesso.
  • Se ci si allontana per un breve periodo di tempo, spegnere la stufa e lasciarla raffreddare, se possibile.
  • Tenere sempre lontani dal fuoco i bambini e gli animali domestici.
  • Assicuratevi che il vostro camino sia pulito prima di usare qualsiasi tipo di fuoco all'interno della vostra casa o del garage, perché può essere molto pericoloso e causare un incidente indesiderato!

Domande frequenti

Come faccio a sapere quale stufa acquistare?

È possibile scoprirlo facendo un po' di ricerca sul tipo di stufa che si ha in mente. I due tipi disponibili sono le stufe a legna e le stufe multi-combustibile, quindi è importante sceglierne una di ciascuna categoria. Se la vostra casa si trova in un clima caldo o moderato, una stufa multicombustibile è la più adatta, poiché brucia sia combustibili solidi come tronchi e pellet di biomassa, sia gas di petrolio liquido (GPL), se necessario. I prodotti a legna funzionano bene nei climi più freddi, dove ci possono anche essere periodi in cui non è possibile utilizzare un fuoco aperto a causa delle temperature esterne molto basse durante i mesi invernali. In questo caso, la scelta migliore è quella di un inserto per caminetto a legna di seconda mano.

Dove devo posizionare la mia nuova stufa?

La posizione della stufa a legna o multi-combustibile dipende dall'uso che se ne vuole fare e dalle sue dimensioni. Se avete intenzione di riscaldare un'ampia area della vostra casa, sceglietene una con un'altezza compresa tra 70 e 80 cm, ma in caso contrario andrebbe bene anche un modello inferiore a 50 cm. Un modello più piccolo costerà anche meno, quindi prima di prendere una decisione d'acquisto tenete sempre in considerazione i punti in cui potrete trarre il massimo vantaggio dall'installazione. Fate attenzione quando li posizionate in stanze con soffitti alti, perché possono fare la differenza se visti dal pavimento! Sono dotati di raccordi per la canna fumaria progettati per essere installati sulla parete posteriore o laterale, quindi se avete la possibilità di scegliere dove collocarli, posizionateli sempre vicino a una porta o a una finestra per facilitarne l'accesso durante la pulizia.

Come si pulisce il camino?

Usare la stufa significa essere preparati e avere tutto ciò che serve non solo per mantenerla in buono stato di funzionamento, ma anche per mantenerne i livelli di efficienza! La prima cosa da fare prima di inserire i ceppi nel focolare della vostra stufa a legna o multi-combustibile è assicurarsi che non ci sia nulla che ostruisca l'uscita della canna fumaria in cima allo sfiato e la camera di fumo sottostante. Per rendersene conto è sufficiente aprire entrambi gli sportelli e guardare all'interno con una torcia elettrica. Se si nota qualcosa come un nido di uccelli o altri detriti, è necessario rimuoverli prima di utilizzare l'apparecchio per evitare un pericoloso accumulo di monossido di carbonio. Una volta fatto questo, si può iniziare a inserire i ceppi nel focolare e far bruciare bene la stufa!

Ho installato il mio nuovo inserto per caminetto a legna ma non esce alcun calore dalla bocchetta anteriore?

Se l'uscita della canna fumaria in cima allo sfiato sul retro non sembra bloccata, allora verificate che tutto il resto funzioni aprendo nuovamente entrambi gli sportelli in modo da avere accesso a tutte le aree, compresa la camera di combustione dove va il combustibile. Posizionare ora le mani sui fori di alimentazione dell'aria ai lati dell'apertura dello sportello e percepire il calore che indica se il gruppo ventola sottostante deve essere regolato o meno. In caso contrario, verificare che la cinghia della ventola sia ancora al suo posto e giri intorno alle pulegge sul retro della macchina prima di rivolgersi a un installatore di stufe professionista.

Con quale frequenza devo effettuare la manutenzione della mia stufa a legna o multi-combustibile?

La risposta non dipende solo dal tipo di stufa che si possiede, ma anche dal fatto che sia nuova, di seconda mano o magari antica e ristrutturata! Le stufe acquistate dai rivenditori sono normalmente sottoposte a manutenzione una volta all'anno dal produttore stesso, se possibile, altrimenti alcune aziende offrono questo servizio come scambio parziale quando si acquistano apparecchi nuovi. I modelli di seconda mano devono essere controllati accuratamente se acquistati privatamente dopo l'acquisto, perché le stufe più vecchie potrebbero aver subito una maggiore usura nel corso della loro vita. Le stufe antiche sono ovviamente molto vecchie, quindi, a meno che non ci sia un restauratore esperto che se ne occupi, la manutenzione è meglio lasciarla ai professionisti a causa della necessità di strumenti e attrezzature specializzate per smontarle.

La mia stufa necessita di controlli annuali?

Come già detto, sì, ma questo dipende esclusivamente dal tipo di modello che si possiede e dalla frequenza di utilizzo durante l'anno! In genere i produttori raccomandano di controllare i nuovi apparecchi una volta ogni 12 mesi, rimuovendo la cenere ancora presente nel focolare prima di rimettere in funzione l'apparecchio dopo il completamento della manutenzione annuale, installando invece dei ceppi puliti. In questo modo si garantisce che tutto possa continuare a bruciare in modo efficiente senza che i depositi ostruiscano i fori di alimentazione dell'aria sotto le porte alle due estremità. Le stufe di seconda mano o antiche dovrebbero sempre essere controllate da un installatore professionista prima di essere utilizzate, perché probabilmente hanno subito una maggiore usura nel corso della loro vita.

Conclusione

Una stufa a più combustibili è un ottimo investimento sia per la casa che per le tasche. I vantaggi di possedere una stufa sono superiori agli svantaggi, indipendentemente dal tipo di stufa scelta o dal suo costo! È facile passare da un combustibile all'altro, consentendo di risparmiare sulle bollette del riscaldamento e di ridurre i costi di approvvigionamento di altre forme di alimentazione come il gas e il petrolio (e persino l'elettricità, se disponibile). Quindi non lasciatevi scoraggiare dalle recensioni negative; leggete attentamente ciò che dicono prima di prendere una decisione sull'acquisto di una stufa multi-carburante completa o di componenti separati.